Ascesso polmonare

0
11

Cos’è un ascesso polmonare?

Un ascesso polmonare è un’infezione batterica che si verifica nel tessuto polmonare. L’infezione causa la morte del tessuto e il pus si raccoglie in quello spazio. Un ascesso polmonare può essere difficile da trattare e può essere pericoloso per la vita.

Cause di un ascesso polmonare

Gli ascessi polmonari possono essere classificati come primari o secondari. Si sviluppano da diversi ceppi di batteri e hanno cause diverse.

Gli ascessi primari sono causati da un’infezione, polmonite, all’interno del polmone. La polmonite da aspirazione è un’infezione che si sviluppa dopo che il cibo o le secrezioni dalla bocca, dallo stomaco o dai seni sono stati inalati nei polmoni invece di entrare nell’esofago. È una causa molto comune di ascessi primari.

L’aspirazione di cibo o secrezioni si verifica più spesso mentre qualcuno è sedato o incosciente, attraverso intossicazione o anestesia. Il materiale inalato è spesso dannoso per il tessuto polmonare. È anche tipicamente pieno di batteri, provenienti da un’infezione o da batteri normali presenti nella bocca, nel tratto respiratorio o nello stomaco.

Il più comune la malattia che rende una persona suscettibile di sviluppare un ascesso polmonare è l’alcolismo. Coloro che abusano di alcol spesso sperimentano attacchi di vomito e livelli alterati di coscienza. Queste condizioni aumentano la probabilità di inalare il contenuto dello stomaco e i batteri nei polmoni, che possono causare un’infezione. Le persone che abusano di alcol hanno spesso un sistema immunitario indebolito a causa della cattiva salute e nutrizione generale, che rende anche più facile lo sviluppo di un’infezione.

Gli ascessi secondari sono causati da qualcosa di diverso da un’infezione che inizia nel tuo polmone. Può trattarsi di un’ostruzione delle grandi vie aeree nei polmoni, di una malattia coesistente nei polmoni o di infezioni da altre parti del corpo che si diffondono ai polmoni.

Sintomi di un ascesso polmonare

Il sintomo più evidente di un ascesso polmonare è una tosse produttiva. Il contenuto che viene espulso può essere sanguinante o simile a pus, con un cattivo odore.

Altri sintomi includono:

  • alito cattivo
  • febbre di 101 ° F o superiore
  • dolore al petto
  • fiato corto
  • sudorazione o sudorazioni notturne
  • perdita di peso
  • fatica

Chi è a rischio per un ascesso polmonare?

Le persone che soffrono di alcolismo o si sono ammalate di recente (soprattutto di polmonite) hanno un alto rischio di sviluppare un ascesso polmonare. Altre persone con un sistema immunitario indebolito che hanno condizioni come cancro, HIV, trapianti di organi e malattie autoimmuni sono a rischio. Il rischio è alto per le persone che sono state recentemente sotto anestesia o sedazione e per coloro che sono stati incoscienti a causa di lesioni o malattie. Anche l’inalazione di un oggetto estraneo che ostruisce le grandi vie aeree è un fattore di rischio.

Come viene diagnosticato un ascesso polmonare?

Per diagnosticare un ascesso polmonare, il medico esaminerà prima la tua storia clinica. Il medico esaminerà le recenti operazioni in cui è stata utilizzata l’anestesia. Se si sospetta un ascesso, il medico analizzerà l’espettorato o il pus. Il medico potrebbe anche utilizzare strumenti di imaging, come una radiografia o una TAC, per vedere dove si trova l’infezione nei polmoni ed escludere altre condizioni, come cancro o enfisema. Per infezioni più gravi, il medico potrebbe eseguire una procedura per prelevare un campione dall’ascesso.

Se il medico ritiene che un oggetto estraneo sia entrato nei polmoni, potrebbe inserire uno strumento chiamato broncoscopio nella trachea per individuarlo.

Come viene trattato un ascesso polmonare?

Il trattamento principale per un ascesso polmonare sono gli antibiotici. L’uso a lungo termine del farmaco potrebbe essere necessario per un massimo di sei mesi. Possono anche essere suggeriti cambiamenti dello stile di vita come non fumare e bere più liquidi.

In alcuni casi, possono essere necessarie procedure o interventi chirurgici più invasivi. Un tubo può essere inserito nei polmoni per drenare il pus dall’ascesso, oppure può essere necessaria una procedura chirurgica per rimuovere il tessuto polmonare infetto o danneggiato.

Possibili complicazioni

In rari casi, un ascesso polmonare può rompersi. Questa è una grave preoccupazione medica. Le potenziali complicanze a seguito della rottura o del trattamento chirurgico di un ascesso sono:

  • Empiema. Questa è una vasta raccolta di liquido infetto intorno al polmone che si verifica dove si trova l’ascesso. Può essere pericoloso per la vita e richiede cure mediche immediate in modo che possa essere rimosso.
  • Fistola broncopleurica. Questo è quando si sviluppa una connessione tra una grande via aerea all’interno del polmone e lo spazio nel rivestimento attorno all’esterno del polmone. Viene corretto tramite un mirino o un intervento chirurgico.
  • Sanguinamento dai polmoni o dalla parete toracica. Può trattarsi di una piccola quantità di sangue o molto sangue, che è pericoloso per la vita.
  • Infezione che si diffonde ad altre parti del corpo. Se l’infezione lascia il polmone, può quindi produrre ascessi in altre parti del corpo, incluso il cervello.

Quali sono le prospettive per un ascesso polmonare?

Un ascesso polmonare trattato con antibiotici guarisce senza complicazioni 90 percento del tempo. Le persone con un sistema immunitario soppresso, condizioni di salute sottostanti o senza accesso all’assistenza sanitaria sono più suscettibili agli esiti avversi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here