Artrite reattiva

0
3

Cos’è l’artrite reattiva?

L’artrite reattiva è un tipo di artrite che può scatenare un’infezione nel corpo. Più comunemente, un’infezione a trasmissione sessuale o un’infezione batterica nell’intestino innesca lo sviluppo di artrite reattiva.

È considerata una malattia autoimmune del gruppo della spondiloartrite. L’artrite spesso non si sviluppa fino a quando l’infezione non è stata trattata con successo.

Le persone con artrite reattiva spesso manifestano sintomi nelle articolazioni più grandi degli arti inferiori. L’artrite reattiva era precedentemente nota come sindrome di Reiter, una triade di artrite, infiammazione degli occhi (congiuntivite) e infiammazione delle vie urinarie (uretrite).

In precedenza si pensava che la condizione fosse rara. Secondo il National Institute of Arthritis and Musculoskeletal and Skin Diseases (NIAMS), gli uomini sviluppano l’artrite reattiva più spesso delle donne, ma la diagnosi è più difficile nelle donne. L’età media di insorgenza è di 30 anni. Gli uomini tendono anche a provare dolori articolari più gravi rispetto alle donne.

Quali sono le cause dell’artrite reattiva?

L’infezione batterica delle vie urinarie o dell’intestino è la causa più comune di artrite reattiva. Il batterio più comune associato all’artrite reattiva è Chlamydia trachomatis (responsabile delle infezioni da clamidia). Questo batterio di solito si diffonde attraverso il contatto sessuale.

I batteri che causano intossicazione alimentare possono anche produrre sintomi di artrite reattiva. Esempi di questi batteri includono Shigella e Salmonella.

La genetica può essere un fattore determinante per lo sviluppo o meno di artrite reattiva. Secondo NIAMS, le persone che hanno il gene HLA B27 hanno maggiori probabilità di sviluppare artrite reattiva. Tuttavia, non tutti con l’estensione HLA B27 il gene svilupperà l’artrite reattiva se contraggono un’infezione.

Quali sono i sintomi dell’artrite reattiva?

Esistono tre serie distinte di sintomi associati all’artrite reattiva.

Sistema muscoloscheletrico

I sintomi muscoloscheletrici includono dolore articolare e gonfiore. L’artrite reattiva colpisce più spesso le articolazioni delle ginocchia, delle caviglie e delle articolazioni sacroiliache del bacino. Potresti anche provare dolore alle articolazioni, senso di oppressione e gonfiore alle dita, alla schiena, ai glutei (articolazioni sacroiliache) o ai talloni (area del tendine di Achille).

Sistema urinario

Una condizione chiamata uretrite causa sintomi urinari. L’uretraè il tubo che trasporta l’urina dalla vescica all’esterno del corpo. L’uretrite è l’infiammazione di questo tubo. I sintomi possono includere dolore o bruciore durante la minzione e un frequente bisogno di urinare.

Gli uomini possono sviluppare la prostatite come parte dell’artrite reattiva. La prostatite è l’infiammazione della ghiandola prostatica. La cervicite è l’infiammazione della cervice nelle femmine. Può anche essere un segno di artrite reattiva.

Occhi e pelle

L’infiammazione degli occhi è uno dei principali sintomi dell’artrite reattiva. L’artrite reattiva può anche coinvolgere la pelle e la bocca. La congiuntivite è l’infiammazione delle membrane oculari. I sintomi includono dolore, prurito e secrezione.

Possono anche verificarsi eruzioni cutanee, compreso il cheratoma blennorrhagica (piccole pustole sulla pianta dei piedi). Le ulcere alla bocca sono meno comuni. Tuttavia, possono accompagnare altri sintomi dell’artrite reattiva.

Come viene diagnosticata l’artrite reattiva?

Il medico valuterà la tua storia medica, eseguirà un esame fisico dei sintomi ed eseguirà esami del sangue per verificare la presenza di infezioni o infiammazioni. Un esame del sangue può anche determinare se porti il HLA B27 gene che aumenta la probabilità di sviluppare artrite reattiva.

Il medico può eseguire ulteriori test per escludere infezioni a trasmissione sessuale se i sintomi indicano un’infezione da clamidia. Il medico eseguirà un tampone dell’uretra negli uomini ed eseguirà un esame pelvico e un tampone cervicale sulle donne. Il medico può anche eseguire un’artrocentesi, che comporta la rimozione del fluido nell’articolazione con un ago. I test vengono quindi eseguiti su questo fluido.

Quali sono i trattamenti per l’artrite reattiva?

Il trattamento per l’artrite reattiva dipende dalla causa della condizione. Il medico prescriverà farmaci antibiotici per trattare un’infezione sottostante. Possono prescrivere farmaci aggiuntivi per congiuntivite, ulcere alla bocca o eruzioni cutanee, se necessario.

Farmaco

L’obiettivo del trattamento una volta che l’infezione sottostante è sotto controllo si rivolge al sollievo e alla gestione del dolore. I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) come l’ibuprofene (Advil) e il naprossene (Aleve) aiutano ad alleviare il dolore e ridurre l’infiammazione.

Il medico può prescriverti degli antinfiammatori più potenti se i farmaci da banco non alleviano il dolore. I corticosteroidi sono farmaci artificiali che imitano il cortisolo, un ormone che il tuo corpo produce naturalmente. Questi farmaci agiscono sopprimendo ampiamente l’infiammazione nel corpo.

Puoi prendere corticosteroidiper via orale o iniettarli direttamente nelle articolazioni colpite. A volte quando questi non aiutano, potrebbero essere necessari agenti immunomodulanti, come la sulfasalazina (azulfidina). Anche la doxiciclina (Acticlate, Doryx) è stata utilizzata per il trattamento, date le sue proprietà antinfiammatorie. Nei casi gravi che non rispondono alle terapie standard, gli inibitori del TNF (biologici) possono essere efficaci.

Esercizio

Incorpora l’esercizio nella tua routine quotidiana per promuovere la salute delle articolazioni. L’esercizio mantiene le articolazioni flessibili e ti aiuta a mantenere la tua libertà di movimento. La gamma di movimento è la misura in cui puoi flettere ed estendere le articolazioni.

Parla con il tuo medico se la rigidità e il dolore limitano la tua mobilità. Potrebbero indirizzarti a un fisioterapista. La terapia fisica è un processo di trattamento graduale. L’obiettivo è tornare alla tua mobilità sana senza dolore.

Qual è la prospettiva a lungo termine?

Le prospettive per le persone con artrite reattiva sono positive. La maggior parte si riprende completamente. Tuttavia, in alcuni casi, il tempo di recupero può variare da pochi mesi a quasi un anno. Secondo NIAMS, tra il 15 e il 50 per cento delle persone con artrite reattiva sperimentano una ricaduta dei sintomi dopo il trattamento iniziale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here