Apple ha intenzionalmente rotto FaceTime su vecchi iPhone

0
9

Aziende come Apple a volte hanno problemi legali con utenti che non sono d’accordo con le loro politiche. Quindi, Apple ha intenzionalmente rotto FaceTime sui vecchi iPhone per costringere gli utenti a eseguire l’aggiornamento.

Apple ha intenzionalmente rotto FaceTime su vecchi iPhone

Aziende come Apple a volte hanno problemi legali con utenti che non sono d’accordo con le loro politiche. Negli Stati Uniti, le persone spesso vanno in tribunale per mostrare la loro indignazione e ragione.

L’ultimo caso giudiziario pone Apple e un utente che accusano l’azienda di “malfunzionare” intenzionalmente FaceTime su iOS 6, solo per motivi finanziari.

La nuova causa che coinvolge Apple è stata depositata in un tribunale della California e ha lo scopo di dimostrare che la società intendeva costringere gli utenti ad eseguire l’aggiornamento a iOS 7 solo per risparmiare milioni di dollari nel rendere disponibile FaceTime.

Problemi con FaceTime?

L’accusa ha contorni elaborati, ma è semplice da capire. FaceTime è uno dei servizi di videoconferenza più efficienti e robusti disponibili sul mercato. Quando questo servizio è stato originariamente rilasciato, c’erano due modi per comunicare tra dispositivi: il primo utilizzando protocolli peer-to-peer, che consentivano il trasferimento “diretto” di audio e video tra dispositivi e un secondo metodo, che utilizzava server di terze parti , In particolare Akamai per stabilire il ponte di comunicazione tra questi dispositivi.

Tuttavia, a causa di un processo VirnetX, ad Apple è stato richiesto di disconnettere le comunicazioni del primo metodo di comunicazione (P2P) che scorrevano solo dai server Akamai. Il problema con questo scenario è che, a causa dell’elevato numero di comunicazioni da elaborare, Apple doveva sostenere costi mensili elevati per mantenere attivo questo servizio.

Come soluzione a tale problema, Apple ha ridefinito il sistema di comunicazione basato su protocolli P2P senza violare i brevetti della società VirnetX Holding Corp. Il problema riguardava gli utenti che avevano ancora iOS 6 e le cui chiamate continuavano a fluire attraverso i server di Akamai.

Per risolvere rapidamente un problema del genere, Apple ha fatto scadere un certificato di sicurezza del servizio, causando il mancato funzionamento di FaceTime su iOS 6.

Con questo nuovo problema in iOS 6, che Apple ha classificato come un bug e che sarebbe stato risolto solo con l’aggiornamento per iOS 7, Apple è riuscita a forzare l’aggiornamento e quindi a non pagare i servizi Akamai.

Prove che Apple “ha rotto” FaceTime su iOS 6

Tutte queste informazioni sono state ottenute da un altro processo che è stato portato in tribunale prima della fine dello scorso anno, dove VirnetX Holding Corp. è riuscita a costringere Apple a pagare 302,4 milioni di dollari per violazione di diversi brevetti.

Secondo quanto riferito, Apple ha pagato $ 50 milioni ad Akamai tra aprile e settembre 2013. Ci sono anche documenti in cui i dipendenti Apple descrivono come sono riusciti a “rompere” FaceTime su iOS 6 e come sarebbe servito ad Apple risparmiare un sacco di soldi.

La prova principale di questo processo completamente nuovo può essere letta di seguito e non lascia molto spazio di manovra per Apple. È stata inviata una domanda agli ingegneri Apple per chiedere cosa fosse stato fatto per ridurre l’uso dei servizi Akamai.

“Hey ragazzi. Sto valutando il contratto con Akamai per il prossimo anno. Capisco che abbiamo fatto qualcosa ad aprile intorno a iOS 6 per ridurre l’utilizzo del relè”.

La risposta è chiara e mostra bene qual è stata la soluzione che il team Apple ha trovato per evitare la spesa che stava avendo con Akamai e i suoi servizi.

“Era un grande utilizzatore di larghezza di banda di inoltro. Abbiamo rotto iOS 6 e l’unico modo per far funzionare di nuovo FaceTime è eseguire l’aggiornamento a iOS 7″.

Le prove sembrano non lasciare dubbi sul fatto che Apple abbia agito deliberatamente quando ha disabilitato FaceTime su iOS 6, costringendo l’aggiornamento alla versione 7, che ha lasciato molti iPhone con problemi di prestazioni che non piacevano agli utenti. Secondo quanto viene trasmesso, in questo caso è difficile per il colosso tecnologico Apple sfuggire alla condanna.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here