Anticolinergici

0
4

A proposito di anticolinergici

Gli anticolinergici sono farmaci che bloccano l’azione di acetilcolina. L’acetilcolina è un neurotrasmettitore o un messaggero chimico. Trasferisce segnali tra determinate cellule per influenzare il funzionamento del corpo.

Gli anticolinergici possono trattare una varietà di condizioni, tra cui:

  • incontinenza urinaria
  • vescica iperattiva (OAB)
  • disturbo polmonare ostruttivo cronico (BPCO)
  • alcuni tipi di avvelenamento

Aiutano anche a bloccare i movimenti muscolari involontari associati a determinate malattie come il morbo di Parkinson. A volte, vengono utilizzati prima dell’intervento chirurgico per aiutare a mantenere le funzioni del corpo mentre una persona viene trattata con l’anestesia.

Continua a leggere per:

  • un elenco di farmaci anticolinergici
  • informazioni su come funzionano
  • cosa dovresti sapere sui loro rischi ed effetti collaterali

Elenco degli anticolinergici

Gli anticolinergici sono disponibili solo su prescrizione medica. Esempi di questi farmaci includono:

  • atropina (Atropen)
  • alcaloidi della belladonna
  • benztropina mesilato (Cogentin)

  • clidinio
  • ciclopentolato (ciclogile)
  • darifenacina (Enablex)
  • dicilomina
  • fesoterodina (Toviaz)
  • flavossato (Urispas)
  • glicopirrolato
  • omatropina bromidrato
  • iosciamina (Levsinex)
  • ipratropium (Atrovent)
  • orphenadrine
  • ossibutinina (Ditropan XL)

  • propantelina (Pro-bantina)
  • scopolamina
  • methscopolamine
  • solifenacina (VESIcare)

  • tiotropio (Spiriva)

  • tolterodine (Detrol)
  • trihexyphenidyl
  • trospium

Sebbene classificata come antistaminico da assumere per le allergie e come coadiuvante del sonno, la difenidramina (Benadryl) ha anche effetti anticolinergici.

Ciascuno di questi farmaci agisce per trattare condizioni specifiche. Il tuo medico sceglierà il miglior farmaco per la tua condizione.

LO SAPEVATE?

Alcuni anticolinergici derivano da piante della mortale famiglia della belladonna chiamata Solanaceae. La combustione delle radici, dei gambi e dei semi di queste piante rilascia gli anticolinergici. L’inalazione del fumo è stata utilizzata per centinaia di anni per trattare la malattia ostruttiva delle vie aeree.

Come funzionano gli anticolinergici

Gli anticolinergici impediscono all’acetilcolina di legarsi ai suoi recettori su alcune cellule nervose. Inibiscono azioni chiamate impulsi nervosi parasimpatici.

Questi impulsi nervosi sono responsabili dei movimenti muscolari involontari nel:

  • tratto gastrointestinale
  • polmoni
  • tratto urinario
  • altre parti del tuo corpo

Gli impulsi nervosi aiutano a controllare funzioni come:

  • salivazione
  • digestione
  • minzione
  • secrezione di muco

I segnali di blocco dell’acetilcolina possono diminuire:

  • movimento muscolare involontario
  • digestione
  • secrezione di muco

Ecco perché questi farmaci possono causare alcuni effetti collaterali, come:

  • trattenere l’urina
  • avere la bocca secca

Utilizza

Gli anticolinergici sono usati per trattare una varietà di condizioni. Questi includono:

  • malattia polmonare ostruttiva cronica (BPCO)
  • vescica iperattiva e incontinenza

  • disturbi gastrointestinali, come la diarrea
  • asma
  • vertigini e cinetosi

  • avvelenamento causato da tossine come gli organofosfati o la muscarina, che possono essere trovati in alcuni insetticidi e funghi velenosi
  • sintomi della malattia di Parkinson, come movimenti muscolari involontari anormali

Gli anticolinergici possono anche essere usati come miorilassanti durante gli interventi chirurgici per aiutare con l’anestesia. Loro aiutano:

  • mantenere il battito cardiaco normale
  • rilassare la persona
  • diminuire le secrezioni di saliva

Alcuni medici prescrivono anticolinergici per uso off-label per aiutare a ridurre la sudorazione eccessiva. Gli anticolinergici più utilizzati per questo trattamento sono:

  • crema di glicopirrolato
  • compresse orali di ossibutinina

Avvertenze

Come molti farmaci, gli anticolinergici vengono forniti con diversi avvertimenti.

Esaurimento da calore e colpo di calore

Gli anticolinergici riducono la quantità di sudore, il che può far aumentare la temperatura corporea. Durante l’assunzione di uno di questi farmaci, fare molta attenzione a non surriscaldarsi durante:

  • esercizio
  • bagni caldi
  • caldo

Una minore sudorazione può esporti al rischio di un colpo di calore.

Overdose e alcol

L’uso eccessivo di un farmaco anticolinergico può provocare perdita di coscienza o addirittura la morte. Questi effetti possono verificarsi anche se si assumono anticolinergici con l’alcol. I segni di un sovradosaggio includono:

  • vertigini
  • grave sonnolenza
  • febbre
  • gravi allucinazioni
  • confusione
  • problema respiratorio
  • goffaggine e linguaggio confuso
  • battito cardiaco accelerato
  • arrossamento e calore della pelle

Se pensi che tu o qualcuno che conosci abbia preso troppo di questo farmaco, chiama il tuo medico o chiedi consiglio all’American Association of Poison Control Centers al numero 1-800-222-1222 o tramite il loro strumento online.

Se i tuoi sintomi sono gravi, chiama il 118 o vai subito al pronto soccorso più vicino.

Condizioni contrastanti

Gli anticolinergici possono essere usati per trattare molte condizioni, ma non sono per tutti. Ad esempio, questi farmaci di solito non vengono prescritti alle persone anziane.

È noto che gli anticolinergici causano confusione, perdita di memoria e peggioramento della funzione mentale nelle persone di età superiore ai 65 anni. In effetti, recente studi hanno collegato l’uso di anticolinergici con un aumentato rischio di demenza.

Inoltre, le persone con le seguenti condizioni non dovrebbero usare anticolinergici:

  • miastenia grave
  • ipertiroidismo
  • glaucoma
  • prostata ingrossata
  • ipertensione (pressione sanguigna alta)

  • blocco delle vie urinarie
  • aumento della frequenza cardiaca (tachicardia)
  • arresto cardiaco
  • grave secchezza delle fauci
  • ernia iatale
  • stitichezza grave
  • malattia del fegato
  • Sindrome di Down

Informi il medico se soffre di una di queste condizioni. Inoltre, informi il medico se ha una storia di allergie agli anticolinergici.

EVITARE L’USO NEGLI ANZIANI

L’American Geriatrics Society raccomanda vivamente di evitare l’uso di farmaci anticolinergici negli anziani. Questo perché gli anziani possono avere maggiori probabilità di sperimentare effetti collaterali indesiderati rispetto ai giovani.

Effetti collaterali

Anche quando si utilizza correttamente questo farmaco, possono verificarsi effetti collaterali. I possibili effetti collaterali degli anticolinergici dipendono dal farmaco specifico e dal dosaggio che si assume.

Gli effetti collaterali possono includere:

  • bocca asciutta
  • vista annebbiata
  • stipsi
  • sonnolenza
  • sedazione
  • allucinazioni
  • problemi di memoria
  • difficoltà a urinare
  • confusione
  • delirio
  • diminuzione della sudorazione
  • diminuzione della saliva

AVVISO DI DEMENTIA

Utilizzo a lungo termine di anticolinergici, così come l’uso di questi farmaci in persone anziane, è stato associato a un aumento del rischio di demenza. Se ti è stato prescritto uno di questi farmaci e hai dubbi su questo rischio, assicurati di parlare con il tuo medico.

Parla con il tuo dottore

Gli anticolinergici possono essere usati per trattare una varietà di condizioni. Se pensi che uno di questi farmaci possa aiutarti, parla con il tuo medico.

Il medico può determinare se il trattamento con un anticolinergico potrebbe essere una buona opzione per te. Possono anche rispondere a qualsiasi domanda tu abbia su:

  • rischi
  • effetti collaterali
  • cosa aspettarsi dal trattamento

La linea di fondo

I farmaci anticolinergici bloccano l’azione di un neurotrasmettitore chiamato acetilcolina. Questo inibisce gli impulsi nervosi responsabili dei movimenti muscolari involontari e di varie funzioni corporee.

Questi farmaci possono trattare una varietà di condizioni, dalla vescica iperattiva al disturbo polmonare ostruttivo cronico.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here