Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Angioplastica dopo un attacco di cuore: rischi e benefici

Angioplastica dopo un attacco di cuore: rischi e benefici

0
7

Cos’è un’angioplastica?

Un’angioplastica è una procedura chirurgica per aprire i vasi sanguigni che forniscono sangue al muscolo cardiaco. Questi vasi sanguigni sono noti anche come arterie coronarie. I medici spesso eseguono questa procedura subito dopo un infarto.

La procedura è anche chiamata angioplastica coronarica transluminale percutanea o intervento coronarico percutaneo. In molti casi, i medici inseriscono uno stent coronarico dopo un’angioplastica. Lo stent aiuta a mantenere il flusso sanguigno e il restringimento dell’arteria.

Fare un’angioplastica nelle prime ore dopo un infarto può ridurre il rischio di complicanze. Il tempismo può essere cruciale. Più velocemente ricevi il trattamento per un attacco di cuore, minore è il rischio di insufficienza cardiaca, altre complicazioni e morte.

L’angioplastica può anche alleviare i sintomi delle malattie cardiache se non hai avuto un infarto.

Come viene eseguita l’angioplastica?

I medici di solito eseguono questa procedura mentre sei in anestesia locale. In primo luogo, fanno un’incisione nel braccio o nell’inguine. Quindi inseriscono un catetere con un minuscolo palloncino gonfiabile all’estremità nell’arteria. Usando raggi X, video e coloranti speciali, il medico guida il catetere nell’arteria coronaria bloccata. Una volta in posizione, il palloncino viene gonfiato per allargare l’arteria. I depositi di grasso, o placca, vengono spinti contro la parete dell’arteria. Questo apre la strada al flusso sanguigno.

In alcuni casi, il catetere è anche dotato di una rete in acciaio inossidabile chiamata stent. Lo stent viene utilizzato per tenere aperto il vaso sanguigno. Può rimanere in posizione dopo che il palloncino è stato sgonfio e rimosso. Una volta estratto il palloncino, il medico può anche rimuovere il catetere. La procedura può richiedere da mezz’ora a diverse ore.

Quali sono i vantaggi dell’angioplastica dopo un infarto?

Secondo la Society for Cardiovascular Angiography and Interventions, l’angioplastica per il trattamento dell’infarto salva vite umane. È un modo efficiente per far scorrere nuovamente il sangue al cuore. Prima il medico ripristina l’afflusso di sangue, minore sarà il danno al muscolo cardiaco. L’angioplastica allevia anche il dolore al petto e può prevenire la mancanza di respiro e altri sintomi associati a un attacco di cuore.

L’angioplastica può anche ridurre le probabilità che tu possa aver bisogno di un intervento chirurgico di bypass a cuore aperto più invasivo, che richiede un tempo di recupero significativamente più lungo. Il Servizio Sanitario Nazionale rileva che l’angioplastica può ridurre il rischio di un altro infarto. Può anche aumentare le tue possibilità di sopravvivenza più dei farmaci che rompono i coaguli di sangue.

Quali sono i rischi?

Tutte le procedure mediche comportano una certa quantità di rischio. Proprio come molti altri tipi di procedure invasive, potresti avere una reazione allergica all’anestetico, al colorante o ad alcuni dei materiali utilizzati nell’angioplastica. Alcuni altri rischi associati all’angioplastica coronarica includono:

  • sanguinamento, coagulazione o lividi nel punto di inserimento
  • tessuto cicatriziale o coaguli di sangue che si formano nello stent
  • un battito cardiaco irregolare o aritmia
  • danni a un vaso sanguigno, una valvola cardiaca o un’arteria
  • un infarto
  • danni ai reni, specialmente nelle persone che hanno problemi renali preesistenti
  • un’infezione

Questa procedura è anche associata al rischio di ictus, ma il rischio è basso.

I rischi di un’angioplastica d’urgenza dopo un infarto sono maggiori di quelli di un’angioplastica eseguita in circostanze diverse.

L’angioplastica non è una cura per le arterie bloccate. In alcuni casi, le arterie possono restringersi di nuovo se la placca si accumula nuovamente nell’arteria o in uno stent precedentemente posizionato. Questa si chiama restenosi. Il rischio di restenosi è maggiore quando il medico non utilizza uno stent.

Dopo la procedura

Dopo un infarto, il medico spiegherà come mantenere uno stile di vita sano per il cuore. Assuma sempre i farmaci come prescritto dal medico. Se sei un fumatore, ora è il momento di smettere. Mangiare una dieta ben bilanciata e fare esercizio fisico ogni giorno può aiutare ad abbassare la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo nel sangue. Scegliere uno stile di vita sano può anche ridurre le possibilità di avere un altro attacco di cuore.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here