Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Allergie: devo fare un test RAST o un test cutaneo?

Allergie: devo fare un test RAST o un test cutaneo?

0
5

Cosa dovresti sapere sulle allergie

Le allergie possono causare sintomi che vanno da lievi a pericolosi per la vita. Se hai una reazione allergica, vorrai sapere qual è la causa. In questo modo, tu e il tuo medico potete lavorare insieme per trovare modi per fermare o ridurre i sintomi. In alcuni casi, potresti persino essere in grado di evitare l’allergene.

Gli esami del sangue e il test cutaneo sono i test più comuni utilizzati oggi per determinare la probabilità di avere un’allergia. I sintomi allergici sono il risultato di una reazione eccessiva del sistema immunitario a un irritante o allergene, come polvere, muffe o peli di gatto. Il tuo sistema immunitario rilascia anticorpi immunoglobulinici (IgE) nel tentativo di combattere l’irritante o l’allergia. I test allergologici tentano di rilevare questi anticorpi IgE in modi diversi. Questo aiuta il tuo medico a identificare le tue allergie. Questi test sono disponibili per bambini e adulti.

Il prick test cutaneo è il metodo più comune con cui i medici verificano le allergie. Il medico può prescriverti entrambi i test, oppure un test potrebbe essere più adatto a te dell’altro.

Test cutaneo

Il prick test della pelle verrà eseguito presso l’ufficio del medico. Per questo test, un medico o un infermiere punterà leggermente la pelle sulla schiena o sul braccio con uno strumento simile a un pettine. Quindi, aggiungeranno una piccola quantità di un sospetto allergene sull’area dritta.

Conoscerai e sentirai i risultati più rapidamente che con un esame del sangue. Se il medico vede gonfiore o se l’area inizia a prudere, questa è una reazione positiva. Ciò significa che è più probabile che tu sia allergico a quel particolare allergene. Una reazione positiva potrebbe verificarsi immediatamente o potrebbero essere necessari dai 15 ai 20 minuti. Se non ci sono reazioni, è improbabile che tu sia allergico alla sostanza.

Il prick test cutaneo è più sensibile del test del sangue. È anche meno costoso. Tuttavia, c’è più rischio. Sebbene raro, è possibile avere una reazione seria. Per questo motivo, un medico può evitare il test cutaneo se il rischio di anafilassi o di una reazione grave è alto. Questo è anche il motivo per cui il medico ti sottoporrà a un test cutaneo nel loro ufficio. I medici e il personale dovrebbero essere formati per affrontare qualsiasi reazione che potrebbe verificarsi.

“Per l’allergia ai farmaci, spesso il test cutaneo è il metodo di diagnosi preferito”, afferma Niti Choksh, MD, allergologo e immunologo praticante a New York. Soprattutto per l’allergia alla penicillina, dice, tende ad essere più preciso.

Se stai effettuando un test cutaneo, ti verrà chiesto di interrompere l’assunzione di farmaci antistaminici pochi giorni prima del test. Se ritieni che non sia fattibile, discuti ulteriori opzioni con il tuo medico.

RAST o altri esami del sangue

L’analisi del sangue è un altro modo comune per misurare il potenziale di un’allergia. Il test radioallergosorbente, o test RAST, era il test del sangue per aiutare a diagnosticare un’allergia. Tuttavia, sono ora disponibili esami del sangue allergici più recenti. Il test ImmunoCAP è un esame del sangue allergico più comune. Il medico potrebbe anche ordinare un test immunoassorbente legato agli enzimi o un test ELISA.

Questi esami del sangue cercano anticorpi IgE nel sangue che sono specifici per un determinato alimento o altro allergene. Più alto è il livello di IgE, più è probabile che tu abbia un’allergia a quel particolare alimento.

Sebbene i risultati del test cutaneo siano disponibili prontamente, di solito entro 20-30 minuti dal posizionamento, non conoscerai i risultati del tuo esame del sangue per diversi giorni. Probabilmente lo farai in un laboratorio invece che nello studio del tuo medico. Tra i lati positivi, non c’è rischio che il test inneschi una reazione grave. Per questo motivo, l’analisi del sangue è considerata l’opzione più sicura. Ciò è particolarmente importante per le persone che sono a maggior rischio di una reazione anafilattica pericolosa per la vita, così come per quelle con malattie cardiache instabili o asma.

Un prelievo di sangue può essere utilizzato anche per testare più allergeni.

Gli esami del sangue possono anche essere migliori per le persone che non sono in grado o preferiscono non smettere di usare determinati farmaci per alcuni giorni prima del test. Ciò è necessario per un accurato prick test cutaneo. L’esame del sangue può anche essere migliore per chiunque abbia una vasta eruzione cutanea o eczema, che può rendere più difficile il test della pelle.

Cosa chiedere al medico

Se pensi di avere un’allergia, dovresti prendere un appuntamento con il tuo medico di base o uno specialista in allergie. Se il tuo medico non risponde a nessuna delle seguenti domande, potresti sollevarle tu stesso:

  • Qual è la causa più probabile dei miei sintomi?
  • Ho bisogno di test allergologici?
  • Quali tipi di test allergologici consigliate e perché?
  • Quanto sono accurati questi test?
  • Ci sono rischi nel fare questo test?
  • Devo interrompere l’assunzione di farmaci prima di questo test?
  • Quando conoscerò i risultati?
  • Cosa significano questi risultati?
  • Cosa dovrei fare dopo?

Il medico dovrebbe spiegare cosa significano i risultati del test nel contesto più ampio della tua storia e delle circostanze complessive. In caso contrario, chiedi. I test allergologici non sono una scienza esatta e sono possibili falsi positivi, anche falsi negativi. È importante notare che né la pelle né gli esami del sangue prediranno il tipo o la gravità di qualsiasi potenziale reazione allergica.

In effetti, dal 50 al 60 percento dei test del sangue e della pelle potrebbero dare falsi positivi. Ciò significa che se il test cutaneo mostra un risultato positivo, potresti non reagire a quell’allergene nella vita di tutti i giorni. Non vuoi evitare un cibo quando non ne hai bisogno. Per questo motivo, un medico può programmare test di follow-up settimane o addirittura mesi dopo il primo test per confrontare i risultati. Possono anche ordinare ulteriori esami del sangue e della pelle.

Il tuo medico non prenderà in considerazione solo i risultati dei test allergologici per determinare se sei allergico. Invece, i test allergologici possono essere utili quando vengono considerati anche la tua storia medica e sintomi specifici.

Un medico utilizzerà tutte le informazioni a sua disposizione per determinare quali allergeni hanno maggiori probabilità di darti problemi. Poiché le allergie possono causare reazioni pericolose per la vita, è importante che collabori con il medico per trovare il piano di test e trattamento più adatto a te.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here