Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Allergia alle proteine ​​del latte: quali sono le mie opzioni di formula?

Allergia alle proteine ​​del latte: quali sono le mie opzioni di formula?

0
7

Formula di miscelazione

Un’allergia alle proteine ​​del latte nei neonati è un problema serio. Sia i bambini che le madri sono colpite. Se il tuo bambino ha un’allergia alle proteine ​​del latte, è importante determinare quale opzione di alimentazione lo aiuterà a prosperare.

Comprensione delle allergie alle proteine ​​del latte nei neonati

Un’allergia alle proteine ​​del latte si verifica più spesso nei bambini alimentati con latte artificiale. Ciò si verifica quando il sistema immunitario del corpo percepisce le proteine ​​del latte vaccino come dannose e provoca una risposta allergica.

Secondo uno studio del 2016 pubblicato sul British Journal of General Practice, fino al 7% dei bambini nutriti con latte artificiale è allergico alle proteine ​​del latte vaccino.

In alcuni casi, tuttavia, può verificarsi nei bambini allattati al seno. Secondo lo stesso studio del 2016, fino all’1% dei bambini allattati al seno sviluppa un’allergia al latte vaccino.

Alcuni geni sono stati identificati nell’allergia alle proteine ​​del latte. Secondo l’American College of Allergy, Asthma, and Immunology, fino a 8 bambini su 10 supereranno l’allergia entro i 16 anni.

Quali sono i sintomi?

I sintomi di un’allergia alle proteine ​​del latte spesso si manifestano entro pochi minuti o pochi giorni dall’esposizione al latte vaccino. I neonati possono essere esposti attraverso il latte artificiale o il latte materno di madri che ingeriscono latte vaccino o prodotti a base di latte vaccino.

I sintomi allergici possono essere graduali o manifestarsi rapidamente.

I sintomi con un inizio graduale possono includere:

  • feci molli, che possono essere sanguinolente
  • vomito
  • bavaglio
  • rifiutandosi di mangiare
  • irritabilità o coliche
  • eruzioni cutanee

I sintomi con una rapida insorgenza possono includere:

  • respiro sibilante
  • vomito
  • rigonfiamento
  • orticaria
  • irritabilità
  • diarrea sanguinolenta
  • anafilassi

Come viene diagnosticata un’allergia alle proteine ​​del latte?

Non esiste un singolo test per diagnosticare un’allergia alle proteine ​​del latte. La diagnosi si verifica dopo aver esaminato i sintomi e aver attraversato un processo di eliminazione per escludere altre condizioni mediche. I test possono includere:

  • test delle feci
  • analisi del sangue
  • test allergologici, compresi punture cutanee o patch test
  • sfida alimentare

Il tuo medico potrebbe consigliare una dieta di eliminazione.

Potrebbero chiederti di nutrire il tuo bambino con latte artificiale senza latte vaccino o chiederti di evitare il latte vaccino se stai allattando.

Le proteine ​​degli alimenti che una madre che allatta possono comparire nel latte materno entro 3-6 ore e possono rimanere fino a 2 settimane. In genere, una dieta di eliminazione durerà per almeno 1 o 2 settimane. Il latte vaccino viene quindi reintrodotto per vedere se i sintomi di allergia ritornano.

L’allattamento al seno è il migliore

Quando si tratta di nutrire il tuo bambino, l’allattamento al seno è il migliore.

Il latte materno è nutrizionalmente equilibrato, offre protezione contro malattie e infezioni e riduce il rischio di sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS). I bambini allattati al seno hanno meno probabilità di sviluppare allergie alimentari e persino malattie croniche più tardi nella vita.

L’American Academy of Pediatrics raccomanda l’allattamento al seno esclusivamente per almeno i primi 6 mesi di vita di un bambino, con l’allattamento al seno da continuare, quando possibile, almeno per il primo anno di vita.

Il Fonte attendibile dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) raccomanda inoltre l’allattamento al seno esclusivamente per i primi 6 mesi di vita, con l’allattamento al seno da continuare fino a quando il bambino ha almeno 2 anni.

Se stai allattando e tuo figlio sviluppa un’allergia al latte vaccino, dovrai apportare modifiche alla dieta. Elimina i latticini, tra cui:

  • latte
  • formaggio
  • Yogurt
  • crema
  • burro
  • fiocchi di latte

Le proteine ​​del latte sono spesso nascoste. Può essere trovato in:

  • aromi
  • cioccolato
  • pranzo a base di carne
  • hot dog
  • salsicce
  • margarina
  • alimenti trasformati e confezionati

I produttori sono tenuti a elencare i principali allergeni potenziali, incluso il latte, sulle etichette dei prodotti alimentari. Leggi attentamente le etichette per determinare se i prodotti che mangi contengono latte.

Opzioni di formula

Non tutte le donne sono in grado di allattare.

Se il tuo bambino ha un’allergia alle proteine ​​del latte e non sei in grado di allattare, ci sono opzioni di formula che non contengono latte vaccino.

  • La formula di soia è composta da proteine ​​di soia. Sfortunatamente, tra l’8 e il 14% dei bambini con allergia al latte reagirà anche alla soia, secondo l’Asthma and Allergy Foundation of America. Le formule ampiamente idrolizzate scompongono le proteine ​​del latte vaccino in piccole particelle per rendere meno probabile una reazione allergica.
  • I bambini che non sono in grado di tollerare la formula idrolizzata possono fare bene con una formula a base di amminoacidi. Questo tipo di formula è composto da amminoacidi o proteine ​​nella sua forma più semplice.

Tieni presente che più una formula è idrolizzata, meno gustosa può essere per alcuni bambini.

Parlare con il tuo medico

Se il tuo bambino ha sintomi di allergia alle proteine ​​del latte, potrebbe essere difficile determinare se la causa è un semplice mal di stomaco o un’allergia.

Non cercare di diagnosticare il problema o modificare le formule da solo. Consultare il proprio medico per ottenere una diagnosi corretta e per discutere le opzioni di trattamento.

Aiuta il tuo medico a fare la diagnosi corretta con questi suggerimenti:

  • Tieni traccia delle abitudini alimentari e dei sintomi del tuo bambino.
  • Se allatti al seno, tieni un registro degli alimenti che mangi e di come influenzano il tuo bambino.
  • Scopri la storia medica della tua famiglia, in particolare eventuali allergie alimentari.

Non sei solo

Come madre, è doloroso vedere tuo figlio in difficoltà, soprattutto per qualcosa di naturale come mangiare. Non esitare a contattare amici o familiari. Puoi anche trovare un gruppo di supporto che ti aiuti a sviluppare strategie di coping.

Sapere che gli altri stanno attraversando una situazione simile è spesso sufficiente per consentirti di rimanere positivo. Prendi conforto dal fatto che molte allergie al latte possono essere controllate attraverso cambiamenti nella dieta se allatti al seno o cambi formule.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here