Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Allattamento al seno prolungato in un mondo di uomini

Allattamento al seno prolungato in un mondo di uomini

0
3

Ero un muratore di giorno e una mamma che allattava un bambino di 4 anni di notte.

Per validi motivi, la maggior parte dei discorsi sull’allattamento al seno sul lavoro si concentra sull’allattamento al seno di un bambino. Oltre a ciò, la maggior parte delle persone presume che l’allattamento al seno prolungato sia il dominio della mamma casalinga.

Ma l’allattamento al seno sembra diverso per tutti.

Ci sono possibilità di cui non si parla molto, come i papà e le persone non binarie che allattano al petto; nuove mamme che pompano esclusivamente; persone in tandem che danno da mangiare a due bambini di età diverse; madri che inducono l’allattamento dopo l’adozione; e mamme che passano alla formula dopo una difficile lotta.

Quando si tratta di mamme che lavorano, raramente sentiamo parlare di mamme che allattano che lavorano fuori dall’ufficio, e certamente niente di persone che allattano mentre lavorano in un “lavoro da uomini” come l’edilizia, specialmente quando allattano bambini piccoli.

Ma quello ero io.

Cambiare carriera e cambiare le norme

Ho iniziato il mio apprendistato da elettricista quando mio figlio aveva 3 anni. Dal punto di vista economico, per la mia famiglia era importante che io lavorassi.

La mia carriera pre-bambina era nel mondo accademico e nell’avvocatura, ma avevo bisogno di qualcosa di più praticabile dopo essere diventato genitore. Così ho fatto il passaggio a un mestiere qualificato.

Nel frattempo, a casa, ho continuato ad allattare mia figlia fino all’età di 5 anni. Mi sento a disagio a scriverlo in pubblico… Non giudicherei mai nessuno per aver smesso prima o per non aver allattato affatto.

L’allattamento al seno prolungato non è per tutti, ma sembrava che fosse la cosa più semplice per la mia piccola famiglia e ha funzionato per noi.

Tuttavia, mi sentivo come se stessi vivendo una sorta di impossibilità: non solo stavo allattando molto più a lungo della maggior parte delle mamme, ma lo stavo facendo mentre lavoravo in un campo prevalentemente maschile.

In Canada, Australia e Stati Uniti, le donne costituiscono solo il 3% circa della forza lavoro edile.

Come elettricista edile, una giornata tipo per me è stata spesa con uno strumento tipo martello pneumatico in mano, attaccando il cemento, cercando di scoprire tubi elettrici di plastica che sono stati accidentalmente sepolti. Oppure è stato speso sollevando e trasportando fasci di tubi da 100 libbre intorno al cantiere, camminando costantemente su e giù per le scale temporanee e correndo in giro sulla lastra cercando di raggiungere i ragazzi che posano le barre di ferro.

Ma pensavo spesso alla mia preziosa bambina e a come avrei voluto stare con lei invece che con un gruppo di collaboratori edili.

Ho taciuto sull’allattamento al seno sul lavoro, il che era possibile solo perché non avevo bisogno di pompare. L’allattamento al seno di un bambino più grande è un’alimentazione e un legame supplementari, quindi sono stato in grado di passare periodi più lunghi senza grandi disagi o perdite.

È anche una buona cosa, perché ho lavorato su siti senza possibilità di uno spazio privato.

In un cantiere non c’era un posto dove lavarsi le mani correttamente e c’erano solo due bagni portatili per oltre 50 lavoratori. Ero l’unica donna nel cantiere e non avevo nemmeno un bagno per donne. Non ho osato chiedere un alloggio per l’allattamento al seno, soprattutto come nuovo apprendista.

Una volta, ho ammesso che stavo ancora allattando con i miei colleghi, che a quel tempo conoscevo molto bene. A quel punto, mi sono sentito accettato da loro ed era giusto svelare il mio segreto. Pensavano che fosse ridicolo, e devo ammettere che a volte mi sono sentito ridicolo anch’io.

Allora perché non smettere?

Ho scoperto che l’allattamento al seno da bambini piccoli a bambini piccoli era molto diverso dall’allattamento al seno di un bambino piccolo.

Il latte materno è passato dall’essere l’unico alimento ad essere un alimento e una bevanda supplementare, e ho sentito che il mio corpo ha iniziato a capirlo. Ma nutrire mio figlio era molto più che i suoi bisogni nutrizionali.

Mia figlia mi ha mancato così tanto quando ero al lavoro, e ha aiutato ad avere il legame dell’allattamento al seno. Ci siamo ritrovati ogni notte mentre lei allattava.

Con un tempo così limitato dopo il lavoro e il pendolarismo, era importante mantenere insieme il nostro tempo di qualità e l’allattamento al seno sembrava parte di questo. Abbiamo praticato l’opposto dello svezzamento notturno: lo svezzamento diurno.

Mio figlio ora ha 7 anni e i nostri anni di allattamento sono alle spalle, ma sono grata per ogni parte della mia esperienza di allattamento non tradizionale.

Che tu stia allattando al seno un neonato o un bambino; se stai lavorando in un ufficio o circondato da uomini in costruzione; indipendentemente dal fatto che tu mantenga il tuo percorso infermieristico pubblico o privato, dovrai sempre affrontare il giudizio su ciò che hai fatto o non hai fatto.

Nonostante le opinioni degli altri, fai ciò che è giusto per la tua famiglia.

Un giorno, quando l’allattamento al seno sarà finito, guarderai indietro a quell’esperienza. Se rimani fedele a te stesso, ti assicurerai di essere positivo riguardo alle scelte che hai fatto lungo il percorso.


Megan Kinch è un’elettricista edile e scrittrice con sede a Toronto, in Canada e madre di un bambino di 7 anni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here