Alcuni disabili hanno fatto saltare "Queer Eye". Ma senza parlare di razza, non ha senso

0
63
Immagine tramite Christopher Smith / Netflix

La nuova stagione della serie originale di Netflix "Queer Eye "ha ricevuto molta attenzione recente dalla comunità della disabilità, in quanto presenta un uomo disabile nero di nome Wesley Hamilton di Kansas City, Missouri.

Wesley ha vissuto una vita da autodidatta "cattivo ragazzo" fino a quando non è stato colpito all'addome a 24 anni. Durante l'episodio, Wesley condivide il modo in cui la sua vita e le sue prospettive sono cambiate, incluso il modo in cui vede il suo corpo disabile.

Nel corso di 7 anni, Wesley è passato dal "picchiare le gambe perché erano inutili" alla creazione del non profit Disabled Ma Not Really, un'organizzazione che offre programmi di nutrizione e fitness volti a potenziare le persone disabili.

Mentre guardi l'episodio di quasi 49 minuti, non puoi fare a meno di apprezzare la brillante personalità di Wesley.

Dal suo sorriso e dalla sua risata alla sua volontà di provare cose nuove, i collegamenti che ha fatto con i Fab Five mentre ognuno di essi trasforma il suo stile e la sua casa sono rinfrescanti da guardare.

Lo vediamo sperimentare con abiti che pensava di non poter indossare a causa della sua sedia a rotelle; lo vediamo condividere momenti di vulnerabilità con Tan e Karamo, sfidando le idee tipiche di un tipo di mascolinità stoica e priva di emozioni.

Assistiamo anche al sistema di supporto amorevole che circonda Wesley, dalla sua madre accattivante e infinitamente orgogliosa a sua figlia che lo vede come il suo Superman.

Per tutte queste ragioni e molte altre ancora, l'episodio è davvero commovente e sfida molti degli stereotipi che Wesley – in quanto uomo nero e disabile – deve affrontare ogni giorno.

Può essere difficile immaginare, quindi, perché questo episodio abbia suscitato così tante controversie tra i membri non neri della comunità della disabilità.

Ci sono stati rumori che hanno messo in dubbio il nome dell'organizzazione di Wesley, ad esempio, con preoccupazione su come questo episodio potesse danneggiare la visione generale della disabilità per un pubblico non disabilitato.

Queste critiche sono emerse prima ancora che l'episodio venisse trasmesso. Eppure hanno guadagnato trazione sui social media nonostante ciò.

Tuttavia, quando i membri disabili della community di Black hanno iniziato a guardare l'episodio, molti si sono resi conto che le "hot take" emergenti sui social media non erano riuscite a considerare la complessità di essere sia Black che disabili.

Che cosa, esattamente, era mancato? Ho parlato con quattro voci di spicco nella comunità della disabilità, che ha spostato le conversazioni intorno a "Queer Eye" dall'indignazione indiretta al centrare le esperienze delle persone con disabilità nere.

Le loro osservazioni ci ricordano i molti modi, anche negli spazi “progressivi”, in cui i disabili neri vengono spinti ulteriormente ai margini.

1. La rapidità (e l'entusiasmo) con cui fu chiamato – e da chi provenivano quelle critiche – stava raccontando

Come Keah Brown, spiega l'autore e il giornalista, "È interessante quanto velocemente la comunità salti in gola alle persone con disabilità nere invece di pensare a … come deve essere lavorare attraverso il tuo stesso dubbio e il tuo odio".

Il risultato? Le persone al di fuori della stessa comunità di Wesley (e, per estensione, esperienza vissuta) avevano espresso giudizi sul suo lavoro e sui suoi contributi, cancellando le complessità che derivano dalla sua identità razziale.

"C'erano eminenti persone di colore non nere e membri della comunità bianchi entusiasti della possibilità di abbatterlo in discussioni su Twitter e Facebook", afferma Keah. "Mi ha fatto mettere in dubbio come vedono il resto di noi, sai?"

2. Le reazioni sono avvenute prima che Wesley potesse articolare le proprie esperienze

“La gente ha davvero saltato la pistola. Sono stati così rapidi a maltrattare quest'uomo prima ancora di vedere l'episodio ”, dice Keah.

Gran parte di quella reattività è venuta dai critici che hanno formulato ipotesi sul nome del non profit di Wesley, Disabled Ma Not Really.

“Capisco che il nome della sua attività non è l'ideale, ma in superficie sta chiedendo la stessa cosa che tutti noi chiediamo: indipendenza e rispetto. Mi ha davvero ricordato che la comunità ha così tanto razzismo da affrontare ", afferma Keah.

Ho avuto l'opportunità di parlare con Wesley del contraccolpo che circonda il suo lavoro e episodio. Quello che ho imparato è che Wesley è molto consapevole del tumulto, ma non ne è preoccupato.

“Definisco ciò che è Disabile ma non proprio. Sto dando potere alle persone attraverso il fitness e l'alimentazione perché mi ha dato il potere ", dice.

Quando Wesley divenne disabile, si rese conto che si stava limitando a ciò che pensava fosse una persona disabile – senza dubbio informato dalla mancanza di visibilità delle persone che gli assomigliavano. Idoneità e nutrizione furono il modo in cui ottenne la fiducia e il coraggio che ora possiede 7 anni dopo quel fatidico giorno.

La sua missione è quella di creare uno spazio per altre persone con disabilità per trovare comunità attraverso quei viali che gli offrivano la possibilità di sentirsi più a suo agio nella sua pelle – un significato che si perdeva quando le critiche venivano fatte ben prima che potesse articolare quella visione per se stesso.

3. Non è stato tenuto spazio per il viaggio di accettazione di Wesley

La definizione di disabilità di Wesley è stata plasmata da come ha imparato ad amare il suo corpo disabile nero. Essendo qualcuno che aveva acquisito la sua disabilità più tardi nella vita, anche la comprensione di Wesley si sta evolvendo, come abbiamo visto dal suo racconto nell'episodio.

Maelee Johnson, fondatore di ChronicLoaf e un difensore dei diritti della disabilità, osservazioni sul viaggio che Wesley ha intrapreso: “Quando vedi qualcuno come Wesley che è diventato disabile più tardi nella vita, devi davvero pensare alle implicazioni di ciò. Ad esempio, ha iniziato la sua attività mentre attraversava l'abilismo interiorizzato e il processo di accettazione della sua nuova identità disabile ”.

"Il significato del suo nome commerciale può evolversi e crescere con lui, e questo è perfettamente perfetto e comprensibile", continua Maelee. "Noi nella comunità dei disabili dovremmo capirlo."

Heather Watkins, un difensore dei diritti della disabilità, fa eco a osservazioni simili. "Wesley fa anche parte dei circoli di difesa che tendono a connettersi / intersecarsi con altre popolazioni emarginate, il che mi dà l'impressione che continuerà ad espandere l'autocoscienza", osserva. "Nessuna della sua lingua e il limitato dubbio non mi hanno dato momenti di rilievo perché è in transito durante il viaggio."

4. I callout hanno cancellato gli eccezionali modi in cui gli uomini neri sono rappresentati in questo episodio

Le scene che spiccavano per molti di noi erano quelle in cui gli uomini neri esprimevano le loro verità l'uno con l'altro.

Le interazioni tra Karamo e Wesley in particolare hanno dato una forte occhiata alla mascolinità e alla vulnerabilità dei neri. Karamo ha creato uno spazio sicuro per Wesley da condividere sulla sua ferita, guarigione e migliorarlo, e gli ha dato la possibilità di affrontare l'uomo che gli ha sparato.

La vulnerabilità mostrata è tristemente insolita in televisione tra due uomini neri, un evento che meritiamo di vedere di più sul piccolo schermo.

Per André Daughtry, uno streamer di Twitch, gli scambi tra i neri nello show sono stati uno scorcio di guarigione. "L'interazione tra Wesley e Karamo è stata una rivelazione", afferma. “(È stato bello e toccante vedere. La loro forza silenziosa e il loro legame sono il modello che tutti gli uomini neri dovranno seguire. "

Anche Heather fa eco a questo sentimento e al suo potere trasformativo. “La conversazione che Karamo ha facilitato potrebbe essere un intero spettacolo da solo. Quello era un convo sensibile, (ed era) abbastanza congeniale – e lo DIMENTICA ", dice Heather. “Ha (anche espresso) consapevolezza della piena responsabilità per la propria vita e circostanze. Questo è enorme; questa è giustizia riparativa. Questa era guarigione. "

5. L'importanza del sostegno di sua madre è stata erroneamente separata dalle esperienze delle caregivers delle donne di colore

La madre di Wesley aveva avuto un ruolo importante nella sua guarigione e voleva essere certa che Wesley avesse gli strumenti di cui aveva bisogno per vivere in modo indipendente.

Alla fine dell'episodio, Wesley ha ringraziato sua madre. Mentre alcune persone pensavano che la sua attenzione all'indipendenza implicasse che la cura fosse un peso – e che Wesley l'avesse rafforzata ringraziandola – queste persone mancavano esattamente perché quelle scene fossero cruciali per le famiglie nere.

Heather spiega le lacune: "Dal mio punto di vista come madre e badante di un genitore anziano, e sapendo che le donne nere spesso non sono araldiche o vengono etichettate come" forti ", come se non avessimo mai pause o avessimo dolore, sembrava una dolce gratitudine “.

"A volte un semplice ringraziamento riempito con un" So che mi hai dato le spalle e hai dato molto di te, tempo e attenzione da parte mia "può essere la pace e un cuscino su cui riposare", dice.

6. L'episodio è stato fondamentale per i padri neri, in particolare i padri disabili neri

È incredibilmente raro quando la disabilità e la paternità sono visibili, in particolare quei momenti che coinvolgono uomini disabili neri.

André spiega come guardare Wesley diventare papà gli dà speranza: “Vedendo Wesley con sua figlia, Nevaeh, non ho assistito a nulla, ma un giorno dovrei essere abbastanza fortunato da avere figli.

"Vedo che è raggiungibile e non inverosimile. La paternità disabile merita di essere normalizzata ed elevata. "

Heather condivide il motivo per cui la visualizzazione padre-figlia in fase di normalizzazione era di per sé potente. "Essere un padre nero disabile la cui figlia lo vede come il suo eroe (era) così commovente, (non era) a differenza di molte rappresentazioni che punteggiano padre-figlia."

In questo senso, l'episodio presenta i padri disabili neri come Wesley, non come altri, ma esattamente come sono: genitori incredibili e amorevoli.

7. Non è stato preso in considerazione l'impatto di questo episodio (e callout) sui disabili neri

Come donna disabile nera, ho visto molti uomini disabili neri con cui sono cresciuto a Wesley. Uomini che cercavano di capire se stessi in un mondo in cui potevano credere che la loro versione della mascolinità nera fosse rovinata perché erano disabili.

A quegli uomini mancava la visibilità della mascolinità disabile nera che poteva far nascere il senso di orgoglio di cui avevano bisogno per avere fiducia nei corpi e nelle menti che possedevano.

André spiega perché vedere Wesley su "Queer Eye" è stato importante per lui in questa fase della vita: "Sono imparentato con la lotta di Wesley per ritrovarsi in un mare di identità nera e mascolinità tossica. Mi sono riferito ai suoi alti e bassi e al senso di realizzazione quando ha iniziato a trovare la sua voce. "

Quando gli è stato chiesto cosa avrebbe detto a Wesley in merito al contraccolpo, André lo incoraggia a "ignorare coloro che non capiscono il suo percorso di vita. Sta facendo bene a capire la sua relazione con la disabilità e la comunità, la sua oscurità e paternità. Niente di tutto ciò è facile o include una guida passo-passo su cosa fare. "

Quando ho parlato con Wesley, gli ho chiesto quali parole avesse per gli uomini disabili neri. La sua risposta? "Trovati in chi sei."

Come è stato dimostrato dalla sua apparizione in "Queer Eye", Wesley vede i disabili neri in possesso di un'enorme forza. Dal suo lavoro, sta raggiungendo una comunità di persone disabili che molti spazi ignorano o semplicemente non riescono a raggiungere.

"Sono sopravvissuto quella notte per un motivo", dice Wesley. Quella prospettiva ha influenzato in modo significativo il modo in cui vede la sua vita, il suo corpo disabile nero e l'impatto che vuole avere su una comunità che è trascurata e sottorappresentata.

Questo episodio di "Queer Eye" ha aperto le porte a una conversazione tanto necessaria sull'antisfere, l'intersezionalità e il centrare le prospettive invalide dei neri.

Speriamo di essere saggi e di non continuare a ribaltare o cancellare segmenti della nostra comunità quando dovrebbero essere le loro voci – sì, voci esattamente come quelle di Wesley – in prima linea.


Vilissa Thompson, LMSW, è un'assistente sociale con una mentalità macroeconomica della Carolina del Sud. Ramp Your Voice! è la sua organizzazione in cui discute le questioni che le interessano come una donna disabile nera, tra cui l'intersezionalità, il razzismo, la politica e il motivo per cui lei si scusa in modo scusato. Trovala su Twitter @VilissaThompson, @RampYourVoice, e @WheelDealPod.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here