Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi 9 miti sull’allattamento al seno che puoi dimenticare in questo momento

9 miti sull’allattamento al seno che puoi dimenticare in questo momento

0
5

Dopo aver lavorato con centinaia di genitori, li ho ascoltati tutti.

L’allattamento al seno è un modo olistico per prendersi cura di tuo figlio e l’alimentazione non riguarda sempre la fame! I bambini allattano anche al seno per il comfort, la vicinanza, il dolore della dentizione e per addormentarsi. Se non sei sicuro di cosa sia infelice il tuo bambino, l’allattamento al seno è spesso la soluzione.

Detto questo, ci sono molte informazioni fuorvianti là fuori sull’allattamento al seno. Sono un consulente internazionale per l’allattamento certificato (IBCLC) da 18 anni e ho visto che questi miti hanno la meglio su troppi.

Permettetemi di dissipare alcune delle idee sbagliate più comuni che ho sentito.

Mito: è colpa dei genitori se non sono in grado di allattare

Non è mai colpa del genitore se l’allattamento al seno non funziona! La colpa è del nostro sistema medico, che non fornisce ai neogenitori il supporto per l’allattamento di cui hanno bisogno fin dall’inizio.

Quando un genitore incontra difficoltà con l’allattamento al seno (che è molto comune), potrebbe cercare l’aiuto di un pediatra. Spesso un pediatra non chiede di osservare il modo in cui il genitore allatta il proprio figlio. Anche se lo facessero, potrebbero non avere la formazione necessaria per affrontare problemi specifici dell’allattamento al seno.

Spesso, la prima visita medica programmata del genitore non è fino a 6 settimane dopo il parto. Ma quando visitano il loro ginecologo, spesso è troppo tardi. Entro 6 settimane, le lotte con l’allattamento al seno di solito sono state vinte o perse.

Ma questo non è mai dovuto a un fallimento da parte del genitore! Se il nostro sistema medico fosse formato per una consulenza efficace sull’allattamento, forse alcune di queste sfide comuni verrebbero affrontate prima che diventino troppo opprimenti.

Se hai difficoltà con l’allattamento al seno, rivolgiti a un consulente per l’allattamento certificato dal consiglio internazionale (IBCLC). Un IBCLC ha familiarità con la maggior parte degli ostacoli quotidiani e sarà in grado di offrire suggerimenti e lavorare con te per creare un piano per raggiungere i tuoi obiettivi di alimentazione. Cercane uno vicino a te qui.

Mito: la formula è malvagia e il latte materno è un magico toccasana

Ci sono innumerevoli benefici del latte materno: meno infezioni all’orecchio, meno malattie respiratorie, meno attacchi di diarrea, e un ridotto rischio di condizioni come leucemia e diabete, solo per citarne alcuni.

Detto questo, il latte materno è solo una parte di uno stile di vita sano per il tuo bambino. L’allattamento al seno ha molti vantaggi per la salute a lungo termine, ma dieta, esercizio fisico e genetica giocano tutti un ruolo nella salute del tuo bambino. Inoltre, come può attestare qualsiasi studente universitario che sopravvive con pizza e Top Ramen, gli esseri umani sono incredibilmente bravi a vivere con tutti i tipi di cibo.

La formula non rovinerà il tuo bambino. Tuttavia, due cose possono essere entrambe vere: 1) i bambini possono prosperare con la formula e 2) non ci sarà mai una formula che possa avvicinarsi alla complessità e all’eleganza del latte umano.

Il latte materno è una sostanza vivente. Cambia per soddisfare le esigenze del bambino durante il giorno. Ad esempio, la sera, un corpo che allatta produrrà latte con più melatonina (un ormone che aiuta gli esseri umani a dormire).

Tuttavia, la formula non è malvagia. In circostanze in cui è necessaria la formula o una scelta, la linea di fondo è questa: la formula è cibo. La formula darà da mangiare al tuo bambino. Ma il latte materno non solo nutre, ma crea una base per la salute per tutta la vita.

Mito: il dolore è normale durante l’allattamento

Il dolore è comune, ma non è mai normale.

È vero che l’allattamento al seno è spesso scomodo nelle prime due settimane. Oltre a ciò, l’allattamento estremamente doloroso, i capezzoli sanguinanti oi capezzoli danneggiati non sono mai normali e dovrebbero essere trattati.

Molti di questi problemi dolorosi possono essere dovuti a un problema comune con i tessuti orali di un bambino chiamato anchilloglossia o legame della lingua. Se sospetti che il tuo bambino abbia la lingua legata, visita un consulente per l’allattamento per valutare la funzione di alimentazione. Se l’IBCLC vede qualcosa di preoccupante, ti indirizzerà a uno specialista dell’orecchio, del naso e della gola (ORL) o un dentista pediatrico. Questi specialisti sono qualificati per valutare, diagnosticare e trattare il legame linguistico.

Alcune altre cause di dolore durante l’allattamento al seno sono il cattivo posizionamento del bambino durante l’allattamento, una condizione vascolare chiamata vasospasmo o capezzoli invertiti.

Se pensi di poter avere uno di questi problemi, di nuovo, contatta un IBCLC, che può valutare la tua situazione specifica e aiutarti a rendere l’allattamento al seno molto meno doloroso.

Mito: tutte le donne produrranno abbastanza latte se lavorano abbastanza duramente

Questa nozione crea una cultura della vergogna intorno ai genitori che non sono in grado di produrre abbastanza latte. Alcuni fornitori di servizi sanitari contribuiscono anche; viene spesso suggerito che se non produci il 100% del latte del tuo bambino, dovresti smettere di provarci del tutto.

Ci sono una serie di fattori che possono rendere difficile la produzione di latte. Perdita di sangue durante il parto, ritenzione di placenta, squilibri ormonali, sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) o età superiore ai 35 anni sono tutte cause potenziali.

Eppure ci sono soluzioni ad alcuni di questi problemi! Nutrire più frequentemente o ricevere la prescrizione dei farmaci e degli integratori giusti può migliorare la produzione di latte. Come sempre, contatta un IBCLC: sarà in grado di aiutarti a massimizzare la tua produzione di latte.

Tuttavia, integrare il proprio latte con latte artificiale o donato non è una cosa negativa! Si pensa che solo 3 once del latte materno di un genitore siano sufficienti per fare una differenza positiva per la salute.

Non vergognarti mai di dover integrare la tua produzione di latte con la formula! A volte è necessario.

Mito: quanto tiri ti dice quanto latte stai producendo

La quantità che puoi pompare dipende dal tipo di pompa, dall’adattamento corretto delle parti della pompa in base alle dimensioni del capezzolo e dalla qualità della pompa. Con una buona pompa possiamo ottenere alcuni informazioni su quanto latte stai producendo, ma anche questa non è tutta la storia.

Alcune persone semplicemente non rispondono bene al pompaggio come altre. Spesso, il tuo bambino è semplicemente più bravo a estrarre il latte dal seno rispetto a qualsiasi tiralatte.

Mito: se hai il COVID-19 non dovresti allattare

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e l’American Academy of Pediatrics (AAP), i genitori malati di COVID-19 dovrebbero continuare ad allattare i loro bambini. Esiste già uno studio che conferma che il latte materno non trasmette il virus COVID-19.

Non solo l’allattamento al seno con COVID-19 è sicuro, ma potrebbe potenzialmente giovare al tuo bambino. Come per tutte le malattie, molto prima che compaiano i sintomi del COVID-19, il corpo del genitore che allatta inizia a combattere la malattia producendo anticorpi che possono essere trasmessi al bambino attraverso il latte materno.

D’altro canto, i bambini danno segnali al corpo dei genitori attraverso la loro saliva. Quando un bambino incontra un agente patogeno per via orale e poi allatta, la sua saliva viene trasmessa al seno e il corpo del genitore inizia a produrre anticorpi per proteggere il bambino, indipendentemente dal fatto che abbiano o meno l’agente patogeno!

L’allattamento al seno può proteggere il tuo bambino, indipendentemente dal fatto che tu o il bambino siate già malati.

Mito: i farmaci e l’alcol non sono sicuri durante l’allattamento

La maggior parte dei farmaci è perfettamente compatibile con l’allattamento al seno. Alcuni farmaci comuni prescritti dopo il parto sono antibiotici, antidolorifici e anestesia.

Gli antibiotici possono alterare o modificare temporaneamente le feci di un bambino, ma questo non è dannoso. La maggior parte dei farmaci per il dolore attraversa il latte materno in quantità così piccole che di solito non è un problema. L’anestesia agisce molto rapidamente e libera rapidamente il sistema di un genitore, quindi anche questo non è un problema.

Il Dr. Thomas Hale, uno dei principali ricercatori della nazione sui farmaci e sul latte materno, ha verificato che tutti questi farmaci sono sicuri da consumare durante l’allattamento.

Anche l’alcol è sicuro durante l’allattamento se usato in modo responsabile. L’AAP raccomanda che il modo più sicuro per bere alcolici durante l’allattamento sia nutrire o pompare prima a bere. L’alcol passa nel latte materno, ma torna immediatamente nel flusso sanguigno del genitore e viene metabolizzato, quindi non rimane a lungo presente nel latte materno.

Se non sei sicuro di un farmaco che stai assumendo, un IBCLC può fornirti le informazioni di sicurezza più aggiornate. Puoi anche controllare LactMed, un database online per la sicurezza dei farmaci durante l’allattamento.

Mito: i bambini allattati al seno dovrebbero dormire tutta la notte entro 8 settimane

Alcuni bambini allattati al seno sono in grado di dormire a lungo, ma molti non lo sono. In genere, per un bambino allattato al seno, “dormire tutta la notte” sembra effettivamente dormire per un periodo di 4-5 ore tra una poppata e l’altra.

Se il tuo bambino si sveglia frequentemente, potrebbe essere affamato, mettere i denti, aver bisogno di tempo con te o il tuo partner, o sta attraversando una pietra miliare dello sviluppo (come rotolare o gattonare).

La realtà è che per la maggior parte delle famiglie che allattano (o per qualsiasi famiglia con un bambino), la sonnolenza è inevitabile. L’importante è che tu abbia un piano. Se ti senti stanco e temi che potresti addormentarti mentre dai da mangiare al tuo bambino, vai a letto! È molto più sicuro di addormentarsi su un divano dove il bambino potrebbe cadere. Le linee guida dell’AAP per un sonno sicuro ti aiuteranno a prendere la decisione migliore per tuo figlio.

Mito: i bambini possono essere allergici al latte materno

I bambini non possono essere allergici al latte materno, ma possono essere intolleranti alle cose che il genitore sta mangiando. Alcuni bambini sono intolleranti alle proteine ​​nella dieta dei loro genitori, come latticini, uova o noci, che possono causare mal di stomaco o più rigurgiti.

Raramente, un bambino può avere un’allergia a qualcosa nella dieta dei genitori e provoca eczema. Se questo è il caso, il cibo incriminato dovrà essere eliminato.

Prima di iniziare a eliminare tutti i possibili alimenti dalla tua dieta, esamina se c’è un alimento che mangi ogni giorno. Una madre con cui ho lavorato beveva un frullato proteico con polvere di piselli ogni mattina e questo rendeva il suo bambino molto gassoso e a disagio. Il problema è stato risolto non appena lo ha limitato a uno o due frullati a settimana.

Idealmente, un genitore mangerebbe un’ampia varietà di proteine ​​per mantenere sano il bambino. Il cibo che mangi influenza anche il tuo bambino perché può aromatizzare il latte materno e insegnargli i cibi che mangia la tua famiglia.

Alcuni altri miti dicono che i genitori che allattano dovrebbero evitare cibi piccanti, agrumi, cioccolato o verdure crocifere, tutte cose completamente false! Una dieta equilibrata è sempre la strada più sicura e se temi che il tuo bambino sia “allergico” al latte materno, dai un’occhiata prima alla tua dieta! Ecco dove si trovano il problema e la soluzione.

Porta via

Non credere a tutto ciò che senti sull’allattamento al seno, specialmente da fonti inaffidabili o non addestrate. Ci sono molti miti là fuori che non sono solo falsi, ma potenzialmente dannosi per il genitore che allatta al seno.

L’allattamento al seno è un processo, ma quando risolvi le sfide delle prime settimane, diventa intuitivo e può rendere la genitorialità più facile e più nutriente.


Amanda Ogden esercita da oltre 20 anni come infermiera e consulente per l’allattamento, sia in ambito ospedaliero che in uno studio privato. Ha aperto il mama ‘hood Denver nel 2012 insieme ai suoi partner Allison e Linda per fungere da hub per le nuove famiglie che ricevono un supporto completo e non giudicante, dosato di umorismo e praticità. Amanda trascorre il suo tempo a decostruire i paradigmi attuali e a guardarli attraverso una lente antropologica mentre utilizza cure cliniche all’avanguardia e basate sull’evidenza per aiutare a risolvere le sfide dell’allattamento al seno. La mamma ha un programma di tirocinio per formare altri professionisti dell’allattamento al seno nella sua filosofia. Le classi principali sono disponibili online e possono essere trovate su www.themamahood.com. Puoi raggiungere Amanda direttamente a amanda@themamahood.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here