Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi 9 consigli per trovare il terapista giusto

9 consigli per trovare il terapista giusto

0
3

Una paziente si siede su un divano mentre parla con il suo terapista che è impegnato con lei e prende appunti.

Includiamo prodotti che riteniamo utili per i nostri lettori. Se acquisti tramite i link in questa pagina, potremmo guadagnare una piccola commissione. Ecco il nostro processo.

Se stai considerando la terapia, che si tratti di ripristinare una relazione, riprenderti da un trauma, adattarti a una nuova fase della vita o migliorare la tua salute mentale, trovare il terapeuta giusto è il primo ostacolo da superare.

I ricercatori hanno scoperto che è probabile che il legame tra te e il tuo terapeuta abbia un grande impatto sulla tua crescita. Ecco perché è importante fare le tue ricerche, porre domande e prestare attenzione alle tue risposte nella ricerca del terapeuta giusto per te.

Ecco alcuni metodi collaudati per trovare un terapeuta che ti aiuti a raggiungere i tuoi obiettivi terapeutici.

1. Consulta la directory del tuo provider

Se prevedi di pagare la terapia tramite il tuo piano assicurativo, il primo passo potrebbe essere quello di consultare la rete di fornitori del tuo piano.

È anche una buona idea scoprire se il tuo piano limita il numero di sessioni a cui puoi partecipare ogni anno e se l’utilizzo di un terapeuta esterno influirà sui costi vivi.

2. Chiedi a qualcuno di cui ti fidi

Un rinvio da un amico, collega o medico di cui ti fidi è un altro modo per trovare un terapeuta che potrebbe essere adatto a te.

Sebbene un referral sia un buon punto di partenza, è importante riconoscere che potresti avere esigenze e obiettivi diversi con la tua terapia rispetto alla persona che ti dà la raccomandazione.

Quindi, una buona partita per uno di voi potrebbe non essere altrettanto vantaggiosa per l’altro.

3. Utilizza un database online affidabile

Un certo numero di organizzazioni per la salute mentale mantiene database aggiornati e consultabili di terapisti autorizzati.

La tua ricerca potrebbe iniziare semplicemente digitando il tuo codice postale per generare un elenco di consulenti nella tua zona. Potresti anche essere in grado di cercare specialisti, come consulenti matrimoniali e familiari o terapisti che si concentrano sull’uso di droghe e alcol.

Alcuni degli strumenti di ricerca online più comunemente utilizzati includono:

  • Associazione Americana di Psicologia
  • Associazione americana dei terapeuti matrimoniali e familiari
  • Associazione degli psichiatri LGBTQ+

4. Esplora le risorse locali

Anche la tua comunità potrebbe avere risorse per aiutarti. Se sei uno studente, la tua scuola potrebbe fornire l’accesso a un centro di consulenza.

Se sei un dipendente, il tuo team delle risorse umane potrebbe offrire un elenco di terapisti disponibili tramite un programma di benessere sul posto di lavoro o di assistenza ai dipendenti.

Se hai bisogno di consulenza relativa all’abuso domestico o sessuale, potresti essere in grado di trovare una terapia di gruppo o individuale attraverso un’organizzazione di advocacy locale.

Se vuoi che la tua fede informi il tuo trattamento, potresti considerare di contattare la tua chiesa, sinagoga, moschea o altro centro di culto per un elenco di terapisti autorizzati affiliati alla tua fede.

5. Rivolgiti alle organizzazioni che si occupano della tua area di interesse

Se stai cercando un terapista che ti aiuti con un problema specifico di salute mentale, potresti trovare terapisti locali attraverso un’associazione nazionale, una rete o una linea di assistenza.

Ecco alcuni esempi di organizzazioni che offrono strumenti di ricerca per aiutarti a trovare un terapista specializzato vicino a te:

  • Associazione nazionale dei disturbi alimentari
  • Associazione americana per l’ansia e la depressione
  • Centro nazionale per il disturbo da stress post-traumatico

Se il tuo lavoro è fonte di stress e ansia, potresti trovare terapisti locali attraverso un’organizzazione professionale.

Molte di queste organizzazioni e sindacati dispongono di risorse per aiutarti a identificare i professionisti che possono aiutarti con i bisogni di salute mentale. Ad esempio, l’Associazione internazionale dei vigili del fuoco offre assistenza per la salute mentale, il disturbo da stress post-traumatico e l’abuso di sostanze.

6. Pensa ai tuoi obiettivi in ​​anticipo

Cosa vuoi ottenere con la terapia? Studi hai scoperto che quando tu e il tuo terapeuta lavorate insieme verso gli stessi obiettivi, la vostra prospettiva sarà migliore.

Se pensi che qualche tipo di farmaco possa aiutare con i tuoi sintomi, ti consigliamo di trovare uno psichiatra o un professionista che possa prescrivere farmaci.

Se hai sentito dire che la terapia cognitivo comportamentale o la terapia di desensibilizzazione e rielaborazione dei movimenti oculari sono stati efficaci per gli altri con la tua condizione, ti consigliamo di cercare un terapeuta con certificazioni o formazione specializzata in tali approcci terapeutici.

Se vuoi far parte di una rete di supporto di persone che capiscono le tue esperienze, potresti prendere in considerazione la ricerca di un terapeuta coinvolto in gruppi di supporto o sessioni di terapia di gruppo.

I tuoi obiettivi possono cambiare mentre lavori con un terapeuta. Va bene parlare con il tuo terapeuta di cambiare la direzione del tuo piano di trattamento man mano che le tue esigenze si evolvono.

7. Prova un’app di terapia online

Talkspace e Betterhelp offre entrambi strumenti per aiutarti a esplorare il tipo di terapia che desideri. Possono anche abbinarti a un terapista autorizzato e accreditato con cui puoi lavorare online o tramite telefono.

Alcune persone trovano una piattaforma di terapia digitale più comoda e più conveniente rispetto alla terapia di persona. Le sessioni settimanali vanno da $ 35 a $ 80 per la terapia online.

Almeno uno studia ha scoperto che le persone con depressione sentivano che i loro sintomi miglioravano dopo le sessioni online. Vale la pena notare, tuttavia, che due dei ricercatori coinvolti in questo studio erano consulenti o dipendenti del fornitore di terapia digitale utilizzato.

8. Fai domande sulle cose che ti interessano

Quando incontri il tuo terapeuta, che sia online, al telefono o di persona, non è raro dimenticare completamente ogni domanda che volevi porre.

Per assicurarti di avere le informazioni necessarie per prendere una buona decisione, tieni a portata di mano carta e penna o un’app per appunti per alcuni giorni prima della riunione. Annota le domande man mano che ti arrivano.

L’American Psychological Association suggerisce alcune domande da porre al tuo terapeuta durante la tua prima sessione:

  • Sei uno psicologo abilitato in questo stato?
  • Da quanti anni sei in pratica?
  • Quanta esperienza hai di lavorare con persone che hanno a che fare con [the issue you’d like to resolve]?
  • Quale consideri essere la tua specialità o area di competenza?
  • Quali tipi di trattamenti hai trovato efficaci nel risolvere [the issue you’d like to resolve]?
  • Che assicurazione accetti?
  • Dovrò pagarti direttamente e poi chiedere il rimborso alla mia compagnia di assicurazione o devi fatturare alla compagnia di assicurazione?
  • Fai parte della mia rete assicurativa?
  • Accetti Medicare o Medicaid?

L’Anxiety and Depression Association of America aggiunge domande come queste:

  • Se ho bisogno di farmaci, puoi prescriverli o consigliare qualcuno che lo fa?
  • Fornite l’accesso ai servizi di telemedicina?
  • Quando posso aspettarmi di iniziare a sentirmi meglio?
  • Cosa facciamo se il nostro piano di trattamento non funziona?

Nota: se sei mai stato abusato da qualcuno con autorità o colpito da traumi storici o razzismo, potresti porre domande che ti aiutino a scoprire se un potenziale terapeuta è culturalmente informato e sensibile alle tue esperienze.

9. Presta molta attenzione alle tue risposte

Non importa quanti riconoscimenti professionali ha il tuo terapeuta, i tuoi sentimenti di fiducia e conforto dovrebbero essere la tua massima priorità. La terapia sarà scomoda di tanto in tanto? Possibilmente. Dopotutto, probabilmente parlerai di argomenti difficili e personali.

Ma se ti senti a disagio con il tuo terapeuta per qualsiasi altro motivo, va bene cercare qualcun altro.

Non hai bisogno di un motivo per cambiare terapista. È sufficiente che tu non ti senta a tuo agio.

Ecco alcune cose da notare mentre parli con il tuo terapeuta:

  • Il terapeuta ti interrompe o ascolta attentamente quello che dici?
  • Come si sente il tuo corpo durante una sessione di terapia? Ti senti teso?
  • Il terapeuta rispetta il tuo tempo essendo pronto agli appuntamenti?
  • Il terapeuta spazza via o invalida le tue preoccupazioni?
  • Ti senti visto, ascoltato e rispettato durante la tua sessione?

La linea di fondo

Che tu stia affrontando un lutto, un trauma o problemi relazionali, o desideri un trattamento per una malattia mentale, trovare un terapeuta disponibile può fare una grande differenza nel tuo viaggio.

Per trovare un terapeuta adatto, inizia considerando questioni pratiche come la licenza, la copertura assicurativa, l’ubicazione e le specialità.

Potresti scoprire che amici, colleghi e operatori sanitari sono una buona fonte di segnalazioni. Puoi anche trovare opzioni utilizzando gli strumenti di ricerca forniti da organizzazioni che affrontano le tue preoccupazioni specifiche.

Quando hai ristretto le tue scelte, potresti trovare utile pensare ai tuoi obiettivi e alle tue domande, così puoi essere sicuro che tu e il tuo terapeuta siete ben abbinati e allineati sul tuo piano di trattamento.

In definitiva, trovare il terapeuta giusto è una questione personale. La connessione umana è al centro di una terapia efficace e puoi costruire quel senso di connessione sia che incontri il tuo terapeuta di persona, al telefono o online.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here