Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi 7 consigli supportati da esperti su cosa dire a un amico con...

7 consigli supportati da esperti su cosa dire a un amico con cancro al seno

0
7

Lumina/Stocksy United

Ci sono momenti nella vita in cui anche la persona più empatica – quella che sembra sapere sempre la cosa giusta da dire – si trova senza parole.

Imparare che un amico ha il cancro al seno può essere uno di questi.

Il dottor Shanthi Gowrinathan, psichiatra specializzato sia in psichiatria femminile che in psico-oncologia presso il John Wayne Cancer Institute del Providence Saint John’s Health Center di Santa Monica, in California, dice che c’è una ragione per questo.

“Continuiamo ad associare la parola cancro a un’enorme quantità di paura e al calcolo della nostra mortalità”, afferma Gowrinathan.

Le morti per cancro al seno sono diminuite del 40% dal 1989 al 2017, in gran parte a causa della diagnosi precoce e del miglioramento del trattamento. Ma è ancora devastante sentire una persona cara pronunciare le quattro parole “Ho il cancro al seno”.

Sebbene sia una notizia emozionante sentire da un amico, gli esperti dicono che è importante incentrare la conversazione su ciò di cui il tuo amico ha bisogno.

“Non importa quanto bene conosci qualcuno, non sai dove si trova in termini di stato emotivo o mentale”, afferma la dott.ssa Regine Muradian, psicologa clinica autorizzata, oratrice, autrice e sostenitrice della salute mentale. “Vuoi essere di supporto ma vuoi trovare le parole giuste… Vuoi assicurarti di essere consapevole e compassionevole”.

Non esiste un approccio valido per tutti. Alcune persone possono trovare confortanti certe parole, mentre altre possono essere offese.

Il tuo amico potrebbe volere il tuo consiglio se hai sofferto di cancro al seno da solo, come una raccomandazione per un medico o un determinato piano di trattamento.

Ma potrebbero non farlo.

Gowrinathan suggerisce di consentire al tuo amico di condurre la conversazione e di dargli spazio per fornirti un feedback sul tuo approccio.

“Non sempre so cosa è giusto perché sto entrando in una stanza con qualcuno che non ho mai incontrato prima”, dice. “Farò degli errori e dirò la cosa sbagliata. Se lo faccio, dico: ‘Mi dispiace davvero. Probabilmente non è quello che volevi sentire. Come ti sembrerebbe il supporto?’”

Sebbene non ci sia una cosa perfetta da dire e le esigenze delle persone varieranno, sia Gowrinathan che Muradian concordano sul fatto che fare domande, offrire aiuto e semplicemente ascoltare sono buoni punti di partenza.

Sono anche d’accordo sul fatto che respingere le emozioni di un amico, dare consigli non richiesti o condividere storie negative su te stesso, amici o familiari che hanno avuto il cancro al seno non sono grandi idee.

Considera questi suggerimenti se stai lottando con cosa dire e come sostenere un amico con cancro al seno:

Cosa dovresti dire a un’amica malata di cancro al seno

Vuoi parlare di questo?

Potresti pensare che se un amico ti dice che ha il cancro al seno vuole parlare della diagnosi. La verità è che potrebbero non farlo. Potrebbero solo farti sapere.

“Forse ne hanno parlato tutto il giorno con i medici e non vogliono parlarne”, dice Gowrinathan. “Potrebbero ancora interiorizzare ed elaborare la grande quantità di informazioni mediche che ottengono in quei primi giorni”.

Se dicono che non vogliono parlarne, Gowrinathan suggerisce di non prenderla sul personale e di lasciare la porta aperta per fare il check-in più tardi.

“[Don’t feel] qualsiasi tipo di rifiuto perché è davvero qualcosa che le persone stanno elaborando attivamente quando viene diagnosticato “, afferma.

Sono qui per te. sto ascoltando

È normale sentirsi sotto pressione per trovare le parole giuste da dire, ma a volte la cosa migliore è lasciare che sia il tuo amico a parlare.

“Tutti vogliono sentirsi ascoltati e sapere che c’è qualcuno sull’altra linea che può essere lì per sostenerli”, dice Muradian. “Questo è tutto ciò che devi fare a volte, presta quell’orecchio, e aiuta a eliminare tutti questi sentimenti… È così potente.”

Come posso aiutare?

Una diagnosi di cancro al seno può sconvolgere la normale routine di una persona.

Probabilmente dovranno lasciare il lavoro per gli appuntamenti dei medici. Possono essere deboli dal trattamento e incapaci di fare commissioni, prendersi cura dei bambini o guidare.

“Può essere così travolgente, e potrebbero sentirsi paralizzati e non sicuri di come farcela”, dice Muradian. “Potrebbero pensare: ‘Come farò a fare tutte queste cose?’ Sembra che il tuo mondo stia crollando… È bello sapere di avere qualcuno lì”.

Gowrinathan avverte che a volte questa domanda può andare in entrambe le direzioni, però.

“Ho avuto pazienti che mi dicevano che si sentivano molto supportati da questo, e ho avuto pazienti che sono frustrati da questo perché sentono che li mette sotto pressione per capire qualcosa che deve essere fatto”, dice .

Potresti voler offrire qualcosa di specifico, come andare a un appuntamento con un amico.

“[Many] le donne probabilmente vorrebbero un po’ di compagnia su quegli appuntamenti”, dice Gowrinathan. “È molto da gestire da soli.”

Se la persona rifiuta la tua offerta, Muradian dice di ricordare al tuo amico che sei qui se hanno bisogno di te.

“Puoi dire: ‘Sono qui e tornerò a controllarti domani'”, dice.

Sembra una buona decisione

Forse il tuo amico sceglie un medico di cui hai sentito recensioni contrastanti o non è quello che un altro amico ti ha detto essere il migliore della regione.

Gowrinathan consiglia di tenerlo per sé. È meglio convalidare la decisione del tuo amico.

“È davvero facile indovinare te stesso in termini di chi scegli di trattarti”, dice. “Sii di supporto alle scelte delle persone, anche se non è quello che hai sentito”.

I consigli non richiesti, anche se hai avuto il cancro al seno, sono spesso ben intenzionati ma mal ricevuti.

“So che veniamo tutti da un posto utile… ma è invasivo”, dice Muradian. “Si ritorce contro. Ora sei sommerso da cosa fare e dall’esperienza di qualcun altro. Questo allontana l’altra persona”.

Se hai già avuto un cancro al seno e sei disposto a condividere consigli ed esperienze, è meglio mettere la palla nel campo della tua amica. Lascia che elaborino le cose al proprio ritmo e prenda le decisioni che funzionano meglio per loro.

“[You can say] ‘Beh, capisco cosa stai passando, e se vuoi parlare della mia esperienza, sono qui per te’”, dice Muradian. “Non sai in che fase [of grief] sono dentro, quindi si tratta di essere compassionevoli e consapevoli”.

Cosa non dovresti dire

Tutto andrà bene!

Sebbene i progressi della medicina abbiano ridotto i tassi di mortalità per cancro al seno, la dura verità è che nessuno sa come progredirà la malattia per il tuo amico.

“Sta creando false speranze perché non sappiamo cosa accadrà”, dice Muradian.

Può anche far sentire il tuo amico condiscendente, perché probabilmente è ben consapevole che le cose potrebbero non andare bene.

Rimani positivo

Parlare di una diagnosi di cancro al seno non è divertente.

“Pensa pensieri positivi” può sembrare un buon consiglio, ma può essere sprezzante nei confronti dei sentimenti del tuo amico. Va bene per loro prendere la diagnosi duramente o avere una brutta giornata, settimana o mese.

“Esprimere la nostra paura, la nostra ansia, la nostra tristezza e il dolore per questo avvenimento e cambiare la nostra traiettoria di vita dovrebbe essere permesso”, dice Gowrinathan. “‘Rimani positivo’ è più protezione per la persona che deve ascoltare le cose non così buone di quanto non lo sia per la persona che le sta attraversando.”

“Se vuoi essere positivo, meraviglioso, ma se hai quelli che io e i miei pazienti chiamiamo ‘giornate di poltiglia’, è permesso”, aggiunge. “Questo è giustificato. È salutare”.

Invece di incoraggiare il tuo amico a rimanere positivo quando è giù, è meglio ascoltarlo e dirgli che sei qui per sostenerlo come puoi.

Mia zia ha perso entrambi i seni ed è morta

Questo può sembrare ovvio, ma a volte sveliamo una storia negativa nello shock del momento. Cerca di fare una pausa prima di rispondere con qualcosa del genere.

“Si tratta solo di mettere le persone in uno stato di allarme, e questo non è utile”, afferma Muradian.

Sebbene le tue preoccupazioni siano valide, non aiuteranno il tuo amico.

Anche tu hai bisogno di cure

Quando parli con il tuo amico, la conversazione dovrebbe ruotare intorno ai suoi bisogni e sentimenti, ma ciò non significa che tu non stia soffrendo.

Muradian suggerisce di leggere “Quando qualcuno che ami ha il cancro” di Cecil Murphey.

“Questo libro è per gli operatori sanitari che cercano pace e comprensione e imparano come sostenere e prendersi cura del malato di cancro al seno”, afferma.

Cancer.org ha video e informazioni per gli operatori sanitari. Se stai lottando per far fronte alla diagnosi del tuo amico, potresti considerare di parlare con un terapeuta per aiutarti a elaborare i tuoi sentimenti.

Porta via

Imparare che un amico ha il cancro al seno è difficile. È importante ricordare che il tuo amico ha bisogno del tuo sostegno e che cosa significa varierà da persona a persona. È meglio provare a valutare dove si trova il tuo amico e rispondere di conseguenza.

Puoi farlo ascoltando, empatizzando e facendo domande. Se rifiutano le tue offerte di parlare o di aiutare, continua a fare il check-in con delicatezza.

Potresti dire la cosa sbagliata, e va bene così. Concediti un po’ di grazia e chiedi scusa. Sei solo umano.

Quindi, chiedi al tuo amico come puoi fornire supporto migliore. Se stai lottando, non aver paura di chiedere aiuto.


Beth Ann Mayer è una scrittrice di New York. Nel suo tempo libero, puoi trovarla ad allenarsi per le maratone e a litigare con suo figlio, Peter, e tre bambini pelosi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here