Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi 4 domande frequenti sull’attaccamento emotivo

4 domande frequenti sull’attaccamento emotivo

0
4

coppia emotivamente attratta che parla sulla spiaggia

L’attaccamento emotivo si riferisce ai sentimenti di vicinanza e affetto che aiutano a mantenere relazioni significative nel tempo.

L’attaccamento gioca un ruolo importante nella connessione umana. I primi legami che crei con i genitori e i membri della famiglia possono guidare e modellare gli attaccamenti che sviluppi con amici e partner romantici più avanti nella vita.

Puoi attaccarti emotivamente alle persone anche senza attrazione romantica o sessuale. Sentirsi semplicemente vicino a qualcuno ti aiuta a legare e aumenta il tuo senso di connessione.

Questo attaccamento potrebbe aiutarti a sentirti al sicuro, a tuo agio, felice, forse anche un po’ euforico in loro compagnia.

Un certo livello di attaccamento è sano e normale nelle relazioni. Ma come puoi dire se sei pure allegato? Cosa fai se succede? Riesci a sviluppare attaccamenti a luoghi o cose?

Abbiamo le risposte a queste domande (e altre) di seguito.

È la stessa cosa dell’amore?

L’amore duraturo si basa su un sano attaccamento per prosperare, ma attaccamento e amore non sono esattamente la stessa cosa.

Il tuo attaccamento emotivo ai partner e agli amici romantici aiuta queste relazioni a prosperare nel tempo. Senza attaccamento, potresti sentirti spinto a cercare un nuovo partner quando i primi intensi sentimenti d’amore svaniscono, o un nuovo migliore amico dopo un disaccordo.

L’ossitocina, un ormone che promuove il legame e la fiducia, contribuisce allo sviluppo dell’affetto e dell’amore a lungo termine. In altre parole, ti aiuta a spingerti attraverso le prime fasi della lussuria e dell’attrazione e nel territorio delle relazioni.

Altri ormoni entrano in gioco nelle prime fasi dell’amore romantico, contribuendo al desiderio, all’euforia e alla tensione che la maggior parte delle persone sperimenta quando si innamora.

L’intensità di queste emozioni spesso svanisce nel tempo, ma l’attaccamento persiste, aiutandoti a sentirti sicuro e protetto e promuovendo sentimenti di amore duraturo.

Considera i fattori trainanti

Una differenza fondamentale tra attaccamento e amore risiede nei fattori alla base di essi.

In genere, non ami qualcuno per quello che può fare o fornire. Ti piacciono indipendentemente di queste cose, semplicemente perché sono chi sono.

Certo, le relazioni romantiche soddisfano bisogni importanti, ma le relazioni basate sull’amore implicano il dono e il sostegno reciproci. Non ami qualcuno semplicemente perché soddisfa i tuoi bisogni.

L’attaccamento, al contrario, può svilupparsi quando i bisogni di intimità, compagnia, convalida o qualsiasi altra cosa non vengono soddisfatti. Quando trovi qualcuno che soddisfa quei bisogni, potresti sviluppare un forte attaccamento a loro.

Tutti hanno dei bisogni e tutti vogliono che questi bisogni vengano soddisfatti. Non c’è niente di sbagliato nel cercare un partner che soddisfi bisogni importanti. Ma è importante sapere anche come soddisfare queste esigenze. A seconda di qualcun altro da “completare” puoi creare difficoltà per entrambi.

Quando diventa malsano?

L’attaccamento emotivo a volte può diventare un po’ pure intenso e diventare più di una dipendenza emotiva. Questa dipendenza può influire negativamente sulla relazione e sul tuo benessere.

I seguenti segni possono suggerire un livello di attaccamento potenzialmente malsano.

Ti affidi alla loro approvazione

Se lotti con l’autoconvalida e la fiducia in te stesso, potresti definire il tuo valore in base a come ti vedono gli altri. In un attaccamento malsano, il tuo senso di autostima può dipendere totalmente dalla considerazione del tuo partner.

Quando non sei d’accordo o vivi altri conflitti, questo potrebbe interrompere completamente la tua percezione di te stesso. Potresti credere che ti odino e non supportino più i tuoi bisogni.

Di conseguenza, potresti sentirti ferito, vuoto, ansioso o depresso e la tua autostima potrebbe diminuire.

Questi sentimenti possono persistere fino a quando non fanno qualcosa per dimostrare che si preoccupano ancora di te, che si tratti di fare un regalo, offrire affetto fisico o complimentarsi con te.

Questa può diventare una dinamica pericolosa perché le persone con tratti tossici o abusivi possono manipolare intenzionalmente i tuoi bisogni e sentimenti per controllare la relazione e tenerti dipendente da loro.

Hai perso il senso di te stesso

Quando credi di aver bisogno di qualcuno e non puoi vivere senza di loro, potresti trovarti a fare tutto il necessario per assicurarti il ​​loro affetto e supporto a lungo termine.

A poco a poco, potresti iniziare a modificare le tue abitudini, i tuoi interessi e i tuoi comportamenti finché non si allineeranno maggiormente a quelli del tuo partner.

Un partner potrebbe spingerti a farlo in una dinamica tossica o abusiva, ma è importante capire che gli attaccamenti malsani non si verificano solo nelle relazioni abusive. Potresti ritrovarti a rimodellare la tua identità per adattarla a quella del tuo partner, anche in modo un po’ inconsapevole.

Il risultato finale è spesso simile, tuttavia. Tu e il tuo partner diventate più un’unità e perdete di vista chi siete veramente.

È importante condividere alcune cose con amici e partner, ma è altrettanto importante trascorrere del tempo separati e mantenere i propri interessi.

Non sai come funzionare senza di loro

Dipendere da qualcun altro per soddisfare le tue esigenze spesso significa che hai difficoltà a soddisfarle da solo.

Gli attaccamenti in genere si sviluppano proprio per questo motivo. Se non ti senti sicuro, amato o accettato da solo, cercherai qualcuno che possa offrirti conforto e sicurezza e aiutarti a sentirti meno solo.

Sfortunatamente, fare troppo affidamento sul supporto di qualcun altro non ti insegna come soddisfare questi bisogni da solo.

Se la relazione o l’amicizia non funziona, o altri impegni o relazioni impediscono temporaneamente a quella persona di soddisfare i tuoi bisogni, potresti sentirti completamente perso.

“Cosa farei senza di loro?” potresti chiederti. La tua paura di perderli potrebbe diventare così intensa da manifestarsi in comportamenti problematici, come scavare nel loro passato o tenere sotto controllo la loro attività sui social media.

Il rapporto è squilibrato

Le relazioni sane sono equilibrate e interdipendenti.

L’interdipendenza rappresenta una via di mezzo tra indipendenza e dipendenza. I partner interdipendenti possono soddisfare molti dei propri bisogni emotivi, ma si sentono anche a loro agio nel rivolgersi l’uno all’altro quando hanno bisogno di supporto.

I partner che sono completamente indipendenti potrebbero avere difficoltà a raggiungersi quando hanno bisogno di aiuto, mentre un partner dipendente potrebbe sempre chiedere aiuto invece di cercare di gestire le cose da solo.

In un attaccamento malsano, una persona in genere si rivolge a un’altra per un supporto emotivo, di solito senza offrire molto in cambio. Il partner che fornisce costantemente supporto senza ottenere ciò di cui ha bisogno può sentirsi svuotato, risentito e non supportato.

E l’attaccamento emotivo agli oggetti?

Gli attaccamenti emotivi spesso coinvolgono le persone, ma puoi anche affezionarti a luoghi e beni.

Forse da bambino avevi un giocattolo o una coperta di sicurezza che ti aiutava a calmarti e confortarti quando ti sentivi triste o solo. Forse hai ancora un libro preferito, un capo di abbigliamento o un oggetto fortunato che tieni sempre vicino.

Alcune persone sviluppano anche un forte attaccamento a determinati luoghi, come le case o la terra.

È normale sentirsi attaccati a cose speciali o a un luogo che ha un significato. La maggior parte delle persone apprezza cose come fedi nuziali, album fotografici, cimeli di famiglia e diari perché offrono ricordi fisici di momenti importanti.

Inoltre, non c’è niente di insolito nel sentirsi attaccati ad altri oggetti, come vestiti, mobili, telefoni o oggetti legati agli hobby.

Possiedi queste cose perché ti semplificano la vita, ti danno gioia o servono a qualche altro scopo. Se si perdono o si danneggiano, potresti comprensibilmente sentirti un po’ turbato, soprattutto se non riesci a sostituirli facilmente.

Finché questo attaccamento non ha un impatto negativo sulla tua vita e sul tuo benessere, probabilmente stai bene.

Quando preoccuparsi

Per riconoscere quando l’attaccamento a un oggetto pone qualche motivo di preoccupazione, tieni d’occhio questi segnali:

  • Il tuo attaccamento all’oggetto sostituisce i sani attaccamenti alle persone.
  • Ti senti come se non potessi vivere senza l’oggetto, al punto da dargli la priorità rispetto al riparo, al cibo e ad altri bisogni primari.
  • Il pensiero di perdere l’oggetto provoca ansia estrema o altro disagio emotivo.
  • Ti senti incapace di lasciare l’oggetto o il luogo, anche a rischio di farti del male.
  • Il tuo attaccamento agli oggetti interferisce con la tua capacità di soddisfare i bisogni primari. Ad esempio, spendi così tanti soldi per la manutenzione dell’oggetto o del luogo che non hai soldi per il cibo o l’affitto.

La ricerca suggerisce che l’attaccamento agli oggetti può svolgere un ruolo nel disturbo da accumulo, in particolare nelle persone che sperimentano anche la solitudine cronica. L’accumulo in genere comporta allegati a più oggetti, non solo uno o due oggetti speciali.

Come si “rompe” un attaccamento emotivo a qualcuno?

Se ritieni che il tuo attaccamento a qualcuno non sia salutare, puoi fare alcune cose per risolverlo da solo.

Innanzitutto, considera alcune potenziali ragioni alla base dell’allegato, come ad esempio:

  • paura di restare soli
  • vuoto e insicurezza quando non si è in una relazione
  • senso di sé vagamente definito

Una volta che hai un’idea migliore di questi trigger sottostanti, puoi iniziare a esplorare le soluzioni:

  • Dedicare un po’ di tempo alla scoperta di sé può aiutarti a riconnetterti con la tua identità personale.
  • Creare del tempo per te stesso per fare le cose che ti piacciono può aiutare il tempo da solo a sentirsi più gratificante che spaventoso.
  • Lavorare per costruire e rafforzare relazioni positive con amici e familiari può aiutarti a sentirti sicuro anche senza un partner romantico.

Tieni presente, tuttavia, che i problemi di attaccamento iniziano spesso durante l’infanzia. Le tue prime relazioni possono avere un enorme impatto sul modo in cui crei legami da adulto. Gli attaccamenti insicuri ai caregiver possono portare a schemi che continuano a ripetersi nelle tue relazioni.

Questi schemi possono essere difficili da affrontare da soli, ma il supporto di un professionista della salute mentale può essere d’aiuto.

In terapia puoi:

  • lavora per capire il tuo stile di attaccamento
  • apprendere abilità relazionali più sane
  • sviluppare un senso di sé più forte
  • esplorare strategie utili per soddisfare le proprie esigenze

La linea di fondo

Gli attaccamenti emotivi sono un aspetto normale delle relazioni umane. Amici e persone care forniscono supporto emotivo, che può avere un impatto positivo sulla salute fisica e mentale.

Chiedersi se offri supporto emotivo oltre a riceverlo può aiutarti a determinare se i tuoi attaccamenti sono per lo più sani.

Hai notato alcuni segni di attaccamento malsano nelle tue relazioni? Un terapeuta può offrire guida e supporto quando inizi a esplorare questi schemi.


Crystal Raypole ha precedentemente lavorato come scrittore ed editore per GoodTherapy. I suoi campi di interesse includono lingue e letterature asiatiche, traduzione giapponese, cucina, scienze naturali, positività sessuale e salute mentale. In particolare, si è impegnata ad aiutare a ridurre lo stigma sui problemi di salute mentale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here