Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi 2020 Healthline & Vincitore della borsa di studio Feeding America Stronger:...

2020 Healthline & Vincitore della borsa di studio Feeding America Stronger: una chiacchierata con Thomas Gabel

0
3
Fotografie di Hannah Yoon

La passione di Thomas Gabel per l’agricoltura scorre nel profondo del suo sangue.

È nato e cresciuto nella fattoria lattiero-casearia della sua famiglia nella piccola cittadina di Newport (popolazione 1.574 abitanti) in Pennsylvania, dove era orgoglioso di prendersi cura dell’orto.

Quando raggiunse l’adolescenza, si rese conto che l’agricoltura non era il suo futuro. Divenne più interessato a insegnare agli altri l’agricoltura e il ruolo degli agricoltori nella risoluzione dei problemi della fame.

Gabel sta iniziando il suo primo anno alla Pennsylvania State University, dove si specializza in educazione agraria. Ma questo sostenitore della sicurezza alimentare non sta aspettando di laurearsi per assumere ruoli di leadership nel suo campo.

Il 21enne è già stato vicepresidente del suo stato per l’organizzazione nazionale FFA (Future Farmers of America) e ha lavorato su questioni di sicurezza alimentare attraverso il Global Teach Ag Network.

Abbiamo chiesto all’aspirante educatore agrario i suoi studi, obiettivi e ostacoli. Ecco cosa aveva da dire.

Questa intervista è stata modificata per brevità, lunghezza e chiarezza.

Cosa ti ha spinto ad entrare nel tuo campo di studi?

Al liceo sono stato coinvolto in un club intracurricolare noto come FFA. L’FFA è la componente di leadership del curriculum di educazione agricola e sviluppa il “potenziale per la leadership, la crescita personale e il successo professionale” degli studenti.

Attraverso questa organizzazione, ho scoperto che potevo condividere la mia passione per l’agricoltura attraverso l’istruzione. Ho anche capito che gli educatori possono avere un impatto positivo sui giovani ogni giorno.

Desidero seguire le orme degli influenti educatori che ho avuto e dare potere alla prossima generazione di studenti.

Raccontaci del lavoro che hai già svolto e dei tuoi obiettivi per il futuro.

Il mio coinvolgimento nell’educazione agricola e nel lavoro sulla sicurezza alimentare è iniziato con progetti di volontariato attraverso FFA e 4-H (la più grande organizzazione di sviluppo giovanile d’America).

Quelle esperienze mi hanno aiutato nel mio ruolo di vicepresidente dello stato della Pennsylvania FFA 2017-2018, una posizione eletta che richiede un rinvio di un anno dal college per servire oltre 13.000 membri della FFA della Pennsylvania.

Quest’anno di servizio ha previsto visite ai distretti scolastici di tutto lo stato, pianificazione e attuazione di conferenze e convegni statali e incontri con rappresentanti dell’industria, delle imprese e della politica. Attraverso quelle conversazioni, ho fatto appello alle mie esperienze per diffondere la consapevolezza dei problemi di insicurezza alimentare e analfabetismo agricolo che il nostro paese deve affrontare.

Alla Penn State, la maggior parte del mio lavoro in materia di sicurezza alimentare avviene attraverso il Global Teach Ag Network. Ogni anno alla fine di gennaio o all’inizio di febbraio, Global Teach Ag ospita la Global Learning in Agriculture Conference (GLAG), un’opportunità di sviluppo professionale online che ospita oltre 400 educatori provenienti da 6 diversi continenti.

Due anni fa, sono stato incaricato di creare un programma supplementare che gli educatori potessero utilizzare nelle loro classi. Ciò ha portato a GLAGjr, che presentava moduli online relativi all’agricoltura globale, incluso uno specifico per gli obiettivi di sviluppo sostenibile e le questioni di sicurezza alimentare.

GLAGjr ha anche una componente di sovvenzione, che ha finanziato sei progetti guidati da studenti che vanno dai banchetti della fame e l’educazione alimentare sostenibile alla distribuzione di cibo negli orti scolastici.

Un altro progetto divertente è stato il mio coinvolgimento con il podcast #TeachAgTalks. Nel 2019, ho incontrato Roger Thurow, senior fellow sull’agricoltura globale e la politica alimentare per il Chicago Council on Global Affairs, e ho discusso dei suoi libri sull’insicurezza alimentare.

Questa conversazione è diventata due episodi podcast, che sono stati condivisi con gli educatori agricoli in tutta la Pennsylvania come risorsa per le proprie lezioni sulla sicurezza alimentare.

Fotografie di Hannah Yoon

Quali ostacoli prevedi di incontrare mentre ti muovi verso i tuoi obiettivi?

Ho paura del futuro esaurimento della carriera. In qualità di insegnante di agricoltura, il tuo ruolo si estende ben oltre l’aula.

Seguiamo il modello a tre cerchi dell’educazione agricola, che include lezioni in aula, esperienze di leadership e progetti di apprendimento esperienziale.

Anche se può essere molto da gestire, crea più opportunità per la crescita e lo sviluppo degli studenti.

Ad esempio, uno studente può trarre ispirazione da una lezione sui problemi di insicurezza alimentare in classe e tradurre quell’esperienza in un banchetto della fame attraverso il capitolo FFA e il lavoro di volontariato presso il banco alimentare locale.

Mentre mi impegno in una carriera come educatore agrario e sostenitore della sicurezza alimentare, sono entusiasta delle opportunità di influenzare positivamente gli altri, ma prevedo anche tempi di impegni e responsabilità travolgenti.

Quale messaggio vorresti dare alle persone che soffrono di insicurezza alimentare?

Voglio che tu sappia prima che mi dispiace per quello che stai vivendo. È dura e può sembrare una barriera impossibile da sfondare.

Tuttavia, ti incoraggio ad essere aperto e vulnerabile con gli altri. Gli individui sono incredibilmente empatici e possono aiutarti o indirizzarti verso un gruppo o un’organizzazione locale che starà al tuo fianco.

L’insicurezza alimentare è scoraggiante, estenuante e orribile, ma man mano che più persone diventano consapevoli della lotta, più persone stanno diventando capaci e disposte ad aiutare.

Tieni duro e tieni duro. L’aiuto è in arrivo.

Dal momento che il cibo è stato una delle principali fonti di ispirazione per il tuo lavoro e le tue ambizioni, puoi parlarci del tuo ricordo alimentare preferito?

Il mio legame preferito con il cibo deriva dal mio coinvolgimento nella fattoria di famiglia, in particolare nel nostro giardino.

A partire da quando avevo 11 o 12 anni, ho supervisionato alcune parti del giardino, in genere i pomodori, i cocomeri o i peperoni, e sono stato molto orgoglioso del mio lavoro. È stato emozionante per me assistere letteralmente al frutto del mio lavoro.

Perché le questioni relative al cibo, alla nutrizione e alla fame sono importanti per te?

Questi problemi sono di importanza personale per me a causa del coinvolgimento della mia famiglia nella produzione alimentare e del fatto che ho partecipato al programma di mensa scolastica gratuito e ridotto.

L’insicurezza alimentare, la fame e i problemi nutrizionali sono ovunque, ma non sono spesso sotto gli occhi del pubblico. Le persone stanno lottando nel silenzio e nell’ombra.

In qualità di futuro educatore, ho intenzione di insegnare alle persone il nostro sistema alimentare e la nutrizione, diffondendo la consapevolezza su questioni importanti come l’insicurezza alimentare.

Il cibo è un bisogno umano fondamentale e se posso avere un ruolo nell’aiutare le persone a consumare i pasti sulla loro tavola, allora sto facendo la mia parte per rendere il mondo un posto migliore.


Joni Sweet è una scrittrice freelance specializzata in viaggi, salute e benessere. Il suo lavoro è stato pubblicato da National Geographic, Forbes, Christian Science Monitor, Lonely Planet, Prevention, HealthyWay, Thrillist e altri. Resta al passo con lei su Instagram e dai un’occhiata al suo portfolio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here