Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi 10 motivi per cui potresti aver bisogno di integratori di ferro

10 motivi per cui potresti aver bisogno di integratori di ferro

0
2

Il ferro è un nutriente che svolge molti ruoli importanti nel tuo corpo, incluso il mantenerti sano e pieno di energia.

Bassi livelli di ferro sono comuni e possono causare sintomi spiacevoli come stanchezza, scarsa concentrazione e frequenti attacchi di malattia. Tuttavia, la carenza di ferro non è sempre facile da individuare, soprattutto nelle sue fasi iniziali.

Gli integratori di ferro sono un ottimo modo per invertire una carenza, soprattutto se i soli cambiamenti nella dieta non hanno successo (1).

Questo articolo discute gli integratori di ferro, che possono trarne beneficio, nonché i modi migliori per testare i livelli di ferro.

integratori di ferro in un pacchetto

Sintomi di bassi livelli di ferro

Bassi livelli di ferro sono comuni, specialmente in alcuni sottogruppi della popolazione. Se non trattate, possono svilupparsi in una condizione più grave nota come anemia da carenza di ferro (IDA) (1).

IDA è una condizione in cui il tuo sangue non contiene abbastanza globuli rossi sani che trasportano ossigeno. Di conseguenza, potresti riscontrare i seguenti sintomi (1, 2):

  • stanchezza
  • una mancanza di energia
  • fiato corto
  • difficoltà a concentrarsi
  • attacchi più frequenti di malattia
  • difficoltà a regolare la temperatura corporea o spesso sensazione di freddo
  • pelle pallida
  • palpitazioni
  • mal di testa
  • sentire squilli, sibili o ronzii nella tua testa
  • prurito
  • una lingua dolorante o difficoltà a deglutire
  • cambia il gusto del cibo
  • la perdita di capelli
  • voglie di prodotti non alimentari, come ghiaccio o sporco, noto anche come pica
  • piaghe aperte dolorose agli angoli della bocca
  • unghie a forma di cucchiaio
  • un bisogno incontrollabile di muovere le gambe, noto anche come sindrome delle gambe senza riposo

Se si verifica uno di questi sintomi, valutare la possibilità di discutere le opzioni di test diagnostici con il proprio medico per identificare o escludere bassi livelli di ferro o IDA.

Tieni presente che questi sintomi sono in genere più evidenti quando i bassi livelli di ferro progrediscono verso l’IDA. Pertanto, potresti avere bassi livelli di ferro senza manifestare nessuno di questi segni, specialmente nelle prime fasi dell’esaurimento del ferro.

Testare regolarmente i livelli di ferro può essere un ottimo modo per identificare e trattare i livelli di ferro bassi prima che si sviluppino potenzialmente in IDA.

SOMMARIO

Bassi livelli di ferro sono comuni e possono, se non trattati, progredire nell’anemia da carenza di ferro (IDA). I sintomi spesso compaiono solo una volta sviluppato IDA. Testare regolarmente i livelli di ferro può aiutare a identificare una carenza prima che progredisca in IDA.

Quando possono essere utili gli integratori di ferro

Gli integratori di ferro possono aiutare a invertire i bassi livelli di ferro o curare l’anemia da carenza di ferro. Possono produrre risultati più rapidamente degli interventi dietetici e sono spesso considerati il ​​metodo di trattamento preferito.

Questi integratori possono essere particolarmente utili tra le persone che sono inclini a bassi livelli di ferro, specialmente se non sono in grado di mantenere un buono stato di ferro attraverso la sola dieta, tra cui (1, 3, 4, 5, 6):

  • persone incinte
  • neonati e bambini piccoli
  • persone che stanno vivendo periodi pesanti
  • donatori di sangue frequenti
  • persone con cancro
  • persone con disturbi gastrointestinali, come la celiachia, la colite ulcerosa o il morbo di Crohn
  • coloro che hanno subito un intervento chirurgico gastrico
  • persone con insufficienza cardiaca
  • quelli che assumono farmaci che riducono il ferro, come quelli usati per ridurre l’acidità di stomaco
  • persone che partecipano regolarmente a esercizi fisici pesanti
  • quelli che seguono una dieta vegetariana o vegana
  • persone con disturbi del sangue, come talassemia o anemia falciforme
  • persone con alcolismo

È importante notare che l’assunzione di integratori di ferro quando non sono necessari potrebbe danneggiare la salute, in parte perché in genere contengono alte dosi di ferro, che possono causare problemi digestivi e ridurre l’assorbimento di altri nutrienti nell’intestino (1).

L’assunzione di questi integratori senza necessità può anche causare danni alle cellule e, nei casi più gravi, provocare insufficienza d’organo, coma o morte. Gli effetti collaterali negativi possono verificarsi in chiunque, ma appaiono particolarmente fatali nei bambini (1).

Pertanto, parla sempre con il tuo medico per sottoporre a test lo stato del ferro tuo o di tuo figlio prima di assumere integratori di ferro e segui sempre le raccomandazioni sul dosaggio del tuo medico.

SOMMARIO

Gli integratori di ferro possono invertire i livelli di ferro non ottimali. Assicurati di controllare in anticipo i tuoi livelli di ferro, poiché prenderli inutilmente potrebbe danneggiare la tua salute.

Fare il test per il ferro basso

Fare esami del sangue è uno dei modi migliori per diagnosticare bassi livelli di ferro o IDA, poiché le condizioni possono essere difficili da diagnosticare in base ai soli sintomi.

Un approccio complementare consiste nel considerare in che modo le tue assunzioni di ferro nella dieta e negli integratori si confrontano con le assunzioni di ferro consigliate (1).

Per comprendere l’importanza di richiedere determinati esami del sangue rispetto ad altri, può essere utile comprendere le tre fasi principali della carenza di ferro.

Fasi di carenza di ferro

I bassi livelli di ferro in genere progrediscono verso IDA attraverso queste fasi (1):

  1. Lieve carenza di ferro. Questa condizione consiste in basse riserve di ferro con livelli di ferritina compresi tra 10 e 30 mcg / L, nonché una normale conta dei globuli rossi (RBC) con emoglobina superiore a 12 g / dL ed ematocrito superiore al 36% per le donne e 41% per gli uomini.
  2. Lieve carenza di ferro funzionale. Questa condizione consiste in depositi di ferro impoveriti con livelli di ferritina inferiori a 10 mcg / L ma una conta dei globuli rossi normale con emoglobina superiore a 12 g / dL ed ematocrito superiore al 36% per le donne e 41% per gli uomini.
  3. Anemia da carenza di ferro (IDA). Questa condizione consiste in depositi di ferro impoveriti con livelli di ferritina inferiori a 10 mcg / L, più una conta dei globuli rossi che scende al di sotto dell’intervallo normale con emoglobina inferiore a 12 g / dL ed ematocrito inferiore al 36% per le donne e al 41% per gli uomini.

I migliori test per diagnosticare il tuo stato di ferro

I test dell’emoglobina e dell’ematocrito sono comunemente usati per lo screening della carenza di ferro. Tuttavia, non sono considerati sensibili, né specifici e tendono a identificare solo IDA, non le prime fasi dell’esaurimento del ferro (1).

Identificare le prime fasi dell’esaurimento è utile, in quanto ciò consente di affrontare immediatamente il problema, sia attraverso modifiche dietetiche o integratori, piuttosto che lasciarlo progredire verso IDA prima di agire.

La ferritina sierica è attualmente considerata il test più conveniente ed efficiente per diagnosticare una carenza di ferro, soprattutto nelle sue fasi iniziali.

Tuttavia, pochi professionisti medici testano regolarmente i livelli di ferritina, quindi potrebbe essere necessario richiedere questo test specificamente, oltre ai test di emoglobina ed ematocrito, quando si visita l’ufficio del medico.

Quanto spesso dovresti fare il test?

Coloro che non hanno una storia di bassi livelli di ferro possono scegliere di testare i loro livelli una volta all’anno come un modo per rilevare una potenziale carenza di ferro nelle sue fasi iniziali.

Se si assumono integratori di ferro, i miglioramenti dell’emoglobina possono essere evidenti entro 4 settimane. Tuttavia, generalmente occorrono almeno 3 mesi per riempire completamente i livelli di emoglobina e talvolta anche di più per riempire i livelli di ferritina (7).

Pertanto, le persone che attualmente assumono integratori per trattare una carenza di ferro dovrebbero attendere almeno 3 mesi dopo l’inizio del trattamento, se non leggermente più a lungo, prima di ripetere il test dei livelli di emoglobina e ferritina.

Detto questo, una piccola percentuale di persone non risponde agli integratori di ferro per via orale o sperimenta effetti collaterali. In quanto tali, potrebbero aver bisogno di altri trattamenti.

Pertanto, se si dispone di IDA e non si nota alcun miglioramento dei sintomi entro le prime 4-8 settimane dall’assunzione di un integratore, prendere in considerazione la possibilità di ripetere il test dei livelli di emoglobina per verificare se si sta rispondendo al trattamento (7).

SOMMARIO

Sottoporre a test i livelli di emoglobina, ematocrito e ferritina è il modo migliore per identificare una carenza di ferro prima che si sviluppi potenzialmente in IDA. La frequenza con cui dovresti testare i tuoi livelli di ferro dipende dal tuo attuale stato di ferro.

La linea di fondo

Gli integratori di ferro possono aiutare a invertire una carenza di ferro quando i soli cambiamenti nella dieta non hanno successo.

Alcune persone, comprese le donne incinte, i neonati, i bambini piccoli, gli sportivi pesanti e quelli con determinate condizioni mediche sono più inclini a bassi livelli di ferro e dovrebbero sottoporsi regolarmente a test dei livelli di ferro.

Se stai pensando di sottoporre a test i tuoi livelli di ferro, assicurati di richiedere un test dell’emoglobina e dell’ematocrito insieme a un test della ferritina. Questa combinazione è più efficace per identificare una carenza di ferro, anche nelle sue fasi iniziali.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here